direttore Paolo Di Maira

VENETO / Attivo il Fondo per il Location Scouting


Un fondo annuale di 60 mila euro destinato alle attività di location scouting: da maggio Veneto Film Commission ha a disposizione un nuovo strumento, che gestirà direttamente, per il sostegno alle produzioni audiovisive che stiano valutando la possibilità di girare in Veneto.

L’accesso al fondo sarà aperto a progetti di lungometraggi di finzione, serialità, documentari e programmi televisivi che avranno come location il Veneto, presentati da società italiane o estere. Non saranno prese in considerazione domande presentate da privati.

Il fondo di location scouting è il primo “biglietto da visita” per la regione, secondo il direttore della film commission, Jacopo Chessa, “ed è un dispositivo di grandissima utilità per le società in fase di pre-produzione. Il comparto della produzione audiovisiva non si è mai fermato, rivelandosi anzi come un modello di capacità di adattamento in epoca pandemica. Negli ultimi mesi la domanda di produzioni alla ricerca di location in Veneto è inoltre fortemente aumentata.”

Le risorse provengono dall’Assessorato regionale al Turismo, di concerto con l’Assessorato alla Cultura: l’intento, è quello della ripartenza di entrambi i settori.

“Sono sempre di più i turisti che scelgono di trasformare il loro viaggio in un’esperienza alla scoperta dei luoghi visti sul grande e piccolo schermo – ha dichiarato l’Assessore regionale al Turismo Federico Caner – i numeri del cineturismo, prima della pandemia, parlavano addirittura di cento milioni di persone in tutta Italia che sceglievano la propria destinazione secondo questa logica. Anche quest’anno, nonostante le difficili condizioni dettate dalla pandemia, la nostra Regione ha ospitato fortunate fiction e produzioni cinematografiche che ne hanno fatto conoscere alcune importanti destinazioni turistiche. D’altra parte il Veneto con tutte le sue meraviglie, dalle montagne al mare, passando per i laghi, i bacini termali e le città d’arte ha moltissimo da offrire.”

“La terra veneta si presenta di per sé, naturalmente, come set cinematografico: ricca di colori, di paesaggi, di sapori e di cultura. – ha aggiunto l’Assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari – Un mix vincente che permette, grazie alla scelta di questo territorio come sfondo per le produzioni audiovisive, di conoscerlo, apprezzarlo fino ad essere incuriositi a visitarlo dal vivo. Ed ecco che l’iniziativa, messa in campo grazie alla sinergia tra l’Assessorato al Turismo e quello alla Cultura della Regione Veneto, diventa un importante biglietto da visita promozionale per attrarre nuovi turisti qui in Veneto. Un duplice turismo, che soprattutto ora che si comincia a vedere la luce in fondo al tunnel dopo un lungo e difficilissimo periodo dominato dal COVID-19, ha voglia di rinascere e svilupparsi: quello cinematografico, che scaturisce in loco al momento della realizzazione del film, ma anche di un turismo che ne consegue, che emerge dalla visione della pellicola. Pertanto, buona visione del Veneto a tutti!”.

L’assegnazione del sostegno e il valore specifico verranno definiti dalla Veneto Film Commission a seguito della presentazione del progetto da parte delle società interessate, seguendo i criteri di impatto promozionale delle produzioni e della loro ricaduta economica sul territorio. Il sostegno coprirà le spese relative a trasporti, ospitalità e location manager in fase di pre-produzione.

Per accedere al fondo location scouting sarà necessario fare domanda utilizzando il modulo presente sul sito della Veneto Film Commission: www.venetofilmcommission.com

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION

Newsletter