direttore Paolo Di Maira

SODANO/Se la qualità  va sul satellite

di Gianpaolo Sodano


Uno dei privilegi nell’avere alle spalle “qualche anno” di esperienza nel settore televisivo è aver avuto l’opportunità  di vedere da vicino e dall’interno la crescita e il cambiamento del piccolo schermo nella seconda metà  del secolo scorso.
La tv generalista, Rai e Mediaset per intenderci, ha rappresentato, e rispecchiato, un’Italia in continua trasformazione, autrice e frutto allo stesso tempo di profondi mutamenti culturali, economici e sociali.
Sulla scia di questi cambiamenti è cambiata anche la domanda di televisione: la pay-tv di Tele+ e Stream è stata una prima risposta a questa nuova domanda.


E’ trascorso un decennio: la tv tematica satellitare è oggi una porzione importante dell’offerta televisiva italiana.
E rappresenta una nuova sfida per coloro che di mestiere fanno televisione.
Una nuova sfida anche per me, giunta imprevista alla vigilia della campagna olearia del 2007!
Ma la tv satellitare non è soltanto una sfida.
E’ una straordinaria opportunità  di sperimentazione per autori e tecnici, ma anche un’opportunità  per i telespettatori che sempre più – e i numeri lo dicono chiaramente “” sono liberi di scegliere e di passare dalla tv generalista alla tv tematica.
Riflettiamo su quanto è accaduto con il festival di Sanremo.


C ‘è da augurarsi che il management di Sky sappia cogliere fino in fondo il valore di questa scelta del pubblico.
Sperimentando nuove dimensioni narrative che la tv satellitare permette grazie ad un “minore stress da ascolti”.
Il diverso peso dello “share”, e una diversa modalità  di fruizione del mezzo televisivo, consente palinsesti più elastici e coraggiosi.


 In questo contesto sta l’interesse per il “caso” Sitcom.


A ll’interno dell’offerta televisiva proposta al telespettatore della piattaforma SKY, il prodotto “italiano” è una eccellenza. La sua specificità , il suo stile narrativo, lo skyline del nostro territorio e dei suoi infiniti siti e prodotti, il carattere e gli stili di vita dei suoi protagonisti, possono essere il suo valore aggiunto.
Sitcom è uno dei maggiori produttori di contenuti per la tv satellitare: una vera e propria fabbrica di prodotti audiovisivi.
Dalla migliore cucina italiana, ai prodotti tipici, dal territorio alle citta d’arte, dalla grande creatività  italiana applicata alla casa e all’arredamento, al design d’autore, fino al mito delle quattro e delle due ruote italiane.
Anche sulla carta stampata e sul web.
In definitiva il valore dell’apporto di Sitcom alla piattaforma Sky sta nell’unicità  del suo prodotto italiano.
Non ancora nel modo di confezionarlo.


Ma Sitcom è pronta a cambiare: meno prodotto di acquisto, meno ore di produzione, meno ricette e documenti.
Più intrattenimento, più informazione e più racconto.
Perché tematica non vuol dire elitaria e Sky non si traduce nanoshare. Per questo ci vuole un patto rinnovato fra piattaforma e canali: per fare più qualità  e più Politica.
Per dare il giusto rilievo a quell’ “ambiente italia” in cui ogni tema trova il suo naturale svolgimento e in cui ogni spettatore si riconosce.
Per dare valore alle eccellenze del nostro territorio.
La sua cultura, la sua identità .


Sitcom fa la sua parte: non è un caso che Leonardo World, il canale del gruppo dedicato alle comunità  italiane all’estero e che trasmette il meglio delle produzioni dei quattro canali (Alice, Leonardo, Marcopolo e Nuvolari), si sia ritagliato un suo spazio sulle piattaforme di numerosi Paesi, come Stati Uniti, Canada, Australia e Giappone.


In un paese in cui l’autorità  di garanzie nelle comunicazioni non tutela il mercato né tantomeno il pluralismo dei soggetti, in cui l’autorità  garante per il mercato (l’antitrust) ha escluso il settore televisivo e la pubblicità  dalla propria area di intervento, in cui l’auditel è una società  in regime di monopolio controllata dal cartello raimediaset, in cui la politica, di destra e di sinistra,non fa grande differenza, il valore della indipendenza è l’unica e l’ultima garanzia dei cittadini telespettatori.


Sitcom è l’unico editore televisivo indipendente italiano e la televisione satellitare esiste grazie a Murdock.
Due più due fa quattro.

Articoli collegati

MEDIA / 2 Bandi per Produttori del Sud e del Triveneto

Il 18 novembre scadono due bandi rivolti ai produttori del Sud Italia e del Triveneto, che vedono l'organizzazione congiunta del Creative Europe Desk Italy MEDIA e di diverse film commission: MEDIA TALENTS on TOUR e un corso per incentivare l'internazionalizzazione dei produttori del Triveneto

ESERCIZIO/Il Giro dei Cinema

Il Giro dei Cinema: alla scoperta delle buone pratiche dei cinema d'essai attraverso un viaggio in 42 sale italiane

Cinema&Video International n.179

Il numero di ottobre 2020 è distribuito al MIA di Roma e sulla piattaforma di MIPCOM Online+
- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

IDFA / Ultimina di Jacopo Quadri in concorso

E' in concorso a IDFA il Festival internazionale di Documentari di Amsterdam, "Ultimina", diretto da Jacopo Quadri, il montatore di "Notturno" di Gianfranco Rosi - il film italiano candidato agli Oscar.

TFI / Sviluppo: crescono i fondi regionali e internazionali

Il Panel Ricerca e Sviluppo!Il grande anno dei fondi a sostegno dello sviluppo organizzato dai Production Days di Torino Film Industry.

TFL / Tutti i premi del Meeting Event

Tutti i premi del Torino Film Lab Meeting Event che si è concluso il 20 novembre. La novità del Green Filming Award, promosso insieme alla Trentino Film Commission
- sponsor -

INDUSTRY

SALE/ Christie lancia la lampada antivirus

A gennaio 2021 il lancio della linea Christie Counter Act, la lampada antivirus che può essere utilizzata in presenza di persone

TFL / Tutti i premi del Meeting Event

Tutti i premi del Torino Film Lab Meeting Event che si è concluso il 20 novembre. La novità del Green Filming Award, promosso insieme alla Trentino Film Commission

ROADSIDE porta PINOCCHIO negli USA

La casa di distribuzione statunitense Roadside Attractions ha acquisito da HanWay Films i diritti statunitensi per la distribuzione cinematografica di "Pinocchio" di Matteo Garrone
- sponsor -

LOCATION

FVG / Iniziate le riprese di Volevo Fare la Rockstar 2

Gorizia, Cormons, Cividale del Friuli e Gradisca sono le location di "Volevo fare la Rockstar 2", diretta da Matteo Oleotto ed è una coproduzione Rai Fiction e Pepito Produzioni realizzata con il sostegno della Friuli Venezia Giulia Film Commission.

PALAZZO PFANNER / Il segreto del Marchese del Grillo

Palazzo Pfanner di Lucca è la location de “Il Marchese del Grillo”: il celebre film diretto da Mario Monicelli e interpretato da Alberto Sordi nasconde un segreto, legato ai David di Donatello e ora svelato

EUFCN LOCATION AWD /Curon è l’unica candidata italiana

E' il Lago di Resia vicino a Curon in Alto Adige, l'unica location italiana tra le 5 finaliste dell'EUFCN Location Award, il premio, promosso dall'European Film Commissions Network (EUFCN) in collaborazione con Cineuropa, insignisce ogni anno la migliore "Location cinematografica europea". Tre le produzioni sostenute da IDM Film Fund &Commission che la vedono protagonista