SARDEGNA FILM COMMISSION/Due anni in 15 film

Dall’edizione della Mostra del Cinema di Venezia del 2012, momento in cui la Fondazione Sardegna Film Commission si è ufficialmente presentata al settore audiovisivo internazionale, contestualmente al lancio di “Bellas Mariposas” di Salvatore Mereu (co-prodotto dalla Regione Autonoma della Sardegna e beneficiario del Fondo Ospitalità della Fondazione Sardegna Film Commission), sono stati oltre quindici i progetti sostenuti dalla Film Commission con il Fondo Ospitalità: “L’Arbitro” di Paolo Zucca (prodotto dalla Classic di Amedeo Pagani e distribuito in Italia da Lucky Red che lo ha presentato nella edizione 2013 del Festival di Venezia insieme ai due protagonisti Stefano Accorsi e Geppi Cucciari), i due progetti RaiCinemaWeb “Happy Days Motel (prodotto dalla Blue Film che in Sardegna aveva già prodotto “La leggenda di Kaspar Hauser” di Davide Manuli) e “AndareVia” di Claudio Di Biagio (prodotto ad Alghero dagli emergenti produttori bresciani 5&6, molto attivi nel Web e nelle produzioni multipiattaforma), “Dimmi che destino avrò” di Peter Marcias (la storia dei campi Rom del Cagliaritano, distribuito in tutto il mondo dalla Open Reel di Cosimo Santoro), la commedia di Rocco Papaleo “Una piccola Impresa Meridionale” (prodotto dalla Paco Cinematografica e distribuito da Warner Italia) e il cinepanettone della scorsa stagione “E io non pago” (prodotto da Red Carpet).
E ancora: il documentario “Dal Profondo” di Valentina Pedicini (vincitore del Premio Doc It-Prospettive Italia Doc al festival di Roma 2014, prodotto da La Sarraz Pictures), nonchè il documentario sul viaggio in Sardegna di Joe Bastianich (prodotto dalla Todos Contentos per Skyarte), che, attraverso i luoghi più suggestivi dell’isola, è stato l’occasione di incontro con le peculiarità della musica isolana.
Questi film hanno ricevuto il sostegno del Fondo Ospitalità della Fondazione Sardegna Film Commission e hanno sempre visto, a diversi livelli, il coinvolgimento dei professionisti del settore audiovisivo sardo e delle strutture ricettive isolane.

C’è ora a
ttesa per il nuovo film di Bonifacio Angius “Perfidia” prodotto dalla Movie Factory e fresco di post-produzione, e i documentari “FABER” sulla Sardegna di Fabrizio de Andrè prodotto dalla Clipper Media di Sandro Bertolozzi e “Le favole finiscono a Cabras”, il viaggio in Sardegna opera prima di Raffaele Fusaro.
Ancora in fase di realizzazione sono “Gli Amici di Freddy” con la firma di Bepi Vigna e il documentario di co-produzione italo-tedesca “Faneye Dentella”.
Moltissime sono state le produzioni sostenute logisticamente e dal punto di vista organizzativo, sia per la produzione che per la promozione ai Festival e ai mercati. E’ il caso di “Su Re” di Giovanni Columbu (presentato con la Sacher distri- buzione al Festival di Torino) e de “L’amore e la Follia” di Giuseppe Casu.
“Mentre l’isola si prepara all’avvio della stagione turistica – anticipa Nevina Satta – la Film Commission accoglie le delegazioni in location scouting che provengono da India, Thailandia, Stati Uniti, Belgio, UK e Germania, e sono già in piena pre-produzione dei due film di autori sardi molto amati dalla critica e dal pubblico: Gianfranco Cabiddu con il suo “Asinara” prodotto dalla Paco Cinematorgafica ed Enrico Pau con “Acabbadora” prodotto dalla Kairos Film in co-produzione con l’irlan- dese Mammoth Films.
La co-produzione è stata generata grazie alla mediazione della Sardegna Film Commission e dell’Irish Film Board, che stanno lavorando insieme dal Dicembre 2012 per avviare programmi formativi congiunti e co-produzioni tra i due territori”. “Prossimamente – conclude Satta – partiranno i set di una mini-serie Tv per la Bavaria Italia e una nuova produzione della Blue Film con la firma di Lino Damiani, previste rispettivamente per Giugno e Settembre”.

Nella sezione: Luoghi&Locations