direttore Paolo Di Maira

RIFF / Tutti i premi. Fino al 10 il pubblico vota il miglior Doc

Restano visibili fino al 10 dicembre tutti i film della XIX edizione del RIFF – Rome Independent Film Festival andata interamente online su mymovies.it e conclusasi il 3 dicembre. E fino al 10 si potrà anche votare per il Premio del Pubblico al Miglior Documentario.

La Giuria del Festival ha invece premiato “Havel” Slávek Horák come miglior lungometraggio,biopic sulla figura del dissidente perseguitato politico sotto il regime comunista della fu Cecoslovacchia, dove “i rischi di prevedibilità della struttura “biopic” vengono neutralizzati dall’efficacia dello straniamento teatrale con cui vengono trattati alcuni snodi fondamentali della sceneggiatura.” La giuria ha lodato anche La scenografia, i costumi, la bravura attoriale, la qualità della scrittura che supera tutte le difficoltà delle biografie firmate e la colonna sonora “czech punk” che riescono a veicolare lo spettatore dentro la storia”.

La menzione speciale è andata al venezuelano “La Fortaleza” di Jorge Thielen-Armand.

Il Premio alla Miglior Sceneggiatura di Lungometraggio va a “Fred Buscaglione – Una vita al massimo” di Gino Clemente, quello alla Miglior Sceneggiatura di cortometraggio a “Il Vino Cattivo” di Gabriele Galligani; il premio al Miglior Soggetto va a “Camilla non sta bene” di Paola Michelini e Francesca Staasch, quello al Miglior Corto d’Animazione va al francese “To the Dusty Sea” di Héloïse Ferlay.

Per la sezione dei Cortometraggi realizzati dagli studenti vince “Masel Tov Cocktail” di Arkadij Khaet & Mickey Paatzsch (Germania), e una menzione speciale va a “Who Goes There” di Astrid Thorvaldsen (Uk). 

Per la sezione Corti internazionali il Premio al Miglior Corto Internazionale va a “Khoonab” di Mojtaba Ghasemi (Iran), mentre il Miglior Corto Italiano è “Zheng” di Giacomo Sebastiani. Menzione speciale a “Amore Cane” di Jordi Penner.

La giuria chiamata a valutare i lavori finalisti è composta da: Fabrizio Lucci (direttore della fotografia), Anselma Dell’Olio (regista e critica), Lino Guanciale (attore), Lapo Gresleri(critico cinematografico), Patricia Mayorga Marcos (giornalista cilena), Ahmed Ejaz (giornalista Pakistano), Stefano Ratchev (musicista e compositore di colonne sonore per il cinema). 

Il Premio Rai Cinema Channel, del valore di € 3.000, che consiste in un contratto di acquisto dei diritti web e free tv del corto, da parte di Rai Cinema Channel e che darà al corto vincitore visibilità su www.raicinemachannel.it, sui suoi siti partner e, a discrezione dei responsabili delle reti, sui canali RAI va a “The Recycling Man” di Carlo Ballauri “per l’originalità dei temi trattati, per la scrittura curata nei minimi dettagli, per l’ambientazione in perfetto stile cyberpunk, ma assolutamente credibile, per la fotografia, per gli effetti speciali…. tutti degni di una grande produzione cinematografica. Ma soprattutto per aver osato, riuscendoci”.

Il RIFF – Rome Independent Film Festival è realizzato con il contributo e il patrocinio della Direzione Generale Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio.

Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020-2021-2022, fa parte di ROMARAMA 2020 il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION