spot_img

direttore Paolo Di Maira

spot_img

RAI FICTION/La stagione delle grandi serie

Rai Fiction sbarca al MipTV con risultati di ascolto straordinari, ottenuti in una delle stagioni più ricche di offerte degli ultimi dieci anni. Sono andate benissimo le nuove fiction “Il Sindaco pescatore” con Sergio Castellitto e “Io non mi arrendo” con Beppe Fiorello che hanno stravinto il prime time di Rai 1.

Come sempre record per “Don Matteo” con Terence Hill, arrivato alla decima stagione stabilendo il 33,9 per cento di share (considerando la migliore performance).
Prosegue il successo della quinta serie de “L’Ispettore Coliandro”, il divertente personaggio ideato da Carlo Lucarelli che mancava su Rai 2 dal 2010. Buona la performance della nuova serie in 13 puntate “Tutto può succedere”, tant’è che è già in preparazione la seconda stagione.
Campione di ascolti ancora una volta “Il Commissario Montalbano” interpretato da Luca Zingaretti dal 1999.
Il siciliano di Vigata torna con due nuovi capitoli e fa record: quasi 11 milioni di italiani hanno visto il commissario ideato da Andrea Camilleri, stabilendo il primato in termini di share con il 40,95 per cento nella seconda puntata. Un risultato che premia la fiction prodotta dalla Palomar con Rai Fiction in tutte le fasce di pubblico e proietta Montalbano nell’olimpo Auditel di quest’anno.
“Sono cifre – ha commentato il direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta – che hanno pochi paragoni a livello europeo”. Squadra vincente non si cambia. E così, Luca Zingaretti & co sono pronti per girare altre due puntate (le riprese partiranno l’11 aprile, la location principale resta sempre Ragusa con incursioni nelle cittadine limitrofe, da Scicli a Noto, culle del barocco siciliano) che andranno in onda nel 2017, tratte dal romanzo “Il covo di vipere” e dal racconto “Come voleva la prassi’. E altre due da girare l’anno prossimo sono già in cantiere.

Quanto ai nuovi progetti, titolo di punta è certamente il period drama “Medici: Masters of Florence ”, selezionato per i MipDrama Screenings, cui si affiancano altre grandi produzioni, come le cinque serate de “Il nome della rosa” (attualmente in fase di scrittura) tratte dal celebre romanzo di Umberto Eco, e “Le royaume” (The Kingdom) dall’ultimo libro di Emmanuel Carrère. Otto ore di televisione per racchiudere 650 fitte pagine di storia romana, ebraica e, soprattutto, storia del cristianesimo.
Un’altra grande serie sarà poi quella tratta dalla saga di Elena Ferrante, a partire dal primo dei quattro volumi del ciclo de “L’amica geniale”, che sarà pronto per 2017 con quattro puntate da 100 minuti. Un vasto progetto di scrittura che racconta un’amicizia femminile, quella tra Lila Cerullo ed Elena Greco, dall’infanzia a Napoli negli anni ‘50 del secolo scorso fino a oggi.
Fra i titoli di Rai Fiction trovano posto anche serie più contemporanee come “Suburra”, dieci episodi sulla criminalità organizzata romana tratti dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, ma anche dal film per il cinema, realizzati da Cattleya e Netflix, che segnano la prima produzione italiana della più grande rete di internet tv del mondo. Al comando della nuova serie come già del film, Stefano Sollima, regista delle serie televisive “Romanzo criminale” e “Gomorra”. Si noti poi che, a differenza di quanto avveniva in precedenza, adesso le operazioni internazionali targate Rai Fiction sono passate dal formato mini serie a serie di almeno quattro puntate.

Come per “Il Commissario Montalbano ” e “Il Giovane Montalbano”, Rai Com cura la circolazione internazionale delle serie italiane.
Progetti come il dramedy “Sirene” ideato da Ivan Cotroneo o “La porta rossa”, un nuovo poliziesco/mistery scritto da Carlo Lucarelli le cui riprese sono da poco iniziate a Trieste, possono ambire all’estero come già “ Non uccidere” (12 x 100’), innovativo crime procedural che allo scorso Mipcom ha suscitato l’interesse dei buyer internazionali. Sono poi in arrivo altri tre nuovi polizieschi tratti da altrettanti gialli.
“Rocco Schiavone”, già ribattezzato il ‘Montalbano delle Alpi’, che narra le vicende di un vicequestore di polizia ‘sui generis’, l’attore Marco Giallini, inviato per punizione da Roma ad Aosta, dove da un mese sono iniziate le riprese; “I bastardi di Pizzofalcone” con Alessandro Gassmann, serie ambientata nella Napoli contemporanea, pronta per l’autunno, dal romanzo omonimo dello scrittore napoletano Maurizio de Giovanni.
Lo stesso autore de “Il commissario Ricciardi” (quest’ultimo titolo in fase di sviluppo) i cui libri sono sempre stati tra i primi dieci più venduti in assoluto in Italia.

L’animazione Rai Fiction non è da meno. “Nel 2016 arrivano molte serie di forte impatto”, ha detto il vice direttore e responsabile del settore, Luca Milano. Tra queste non possiamo non citare “Zorro – The Chronicles”, già protagonista dell’apertura dello scorso Mipcom.
Per i più piccini, il delizioso “Giulio Coniglio” (52 episodi da 11 minuti) dai libri di successo di Nicoletta Costa, lo spin-off della serie “Cuccioli” dal titolo “Mini Cuccioli” (52 x 5’), “Dixiland”, seconda serie con l’elefantino bianco creato da Andrea Zingoni, “Pimpa giramondo” (26 x 5’), quarta serie animata con la cagnolina bianca a pois rossi inventata da Altan nel 1975. Torneranno presto in TV anche “Il Piccolo Principe” e il topo giornalista “Geronimo Stilton”, entrambi alla terza stagione.
E inoltre, la nuova serie “Bat Pat” (52 x 12’), protagonista un pipistrello parlante e i suoi amici umani appassionati di soprannaturale, il road movie in animazione “Bu Buum ” (26 x 26’) che ha per scenario il secondo conflitto mondiale, “L’isola del Tesoro” (26 x 26’) nuova e più ampia trasposizione del capolavoro di Stevenson firmata dal compianto Giuseppe Maurizio Laganà, sua ultima regia e direzione artistica.

Entro l’anno anche la nuova serie animata “Regal Academy”, ultima creazione di Iginio Straffi ispirata alle favole più amate, che narrerà le avventure della giovane studentessa Rose Cinderella.
Tra i nuovi titoli, “Max Maestro” (52 x 11’), progetto in grado di coniugare divertimento ed educazione musicale che si avvale della preziosa collaborazione del Maestro Daniel Barenboim, “Paf – Il cane” (78 x 7’), adattamento del videogioco di successo internazionale “Space Dog”, “Pirata e Capitano” (52 x 11’), prescolare che ha per protagonisti una versione femminile e tenera di Jack Sparrow e un ragazzo che vive volando su un idrovolante.
Ma l’offerta di Rai Fiction per i ragazzi non è solo animazione. E’ in arrivo “Sette Nani ed io ” (26 x 26’), una nuovissima serie che mescola live action e personaggi animati, i celebri Sette nani della fiaba dei fratelli Grimm, e una live action indirizzata ai pre-teen: “Maggie & Bianca. Fashion Friends”.
Protagoniste di questa prima produzione non in animazione della Rainbow sono le due ragazze del titolo che frequentano la Milano Fashion Academy, condividendo la passione per la moda e la musica. Insieme, cercheranno di realizzare i loro sogni.

Appuntamento a Cartoons on the Bay per la tradizionale conferenza stampa del settore animazione Rai.

Articoli collegati

- Sponsor - spot_img

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -spot_img

INDUSTRY

- sponsor -spot_img

LOCATION

Newsletter