direttore Paolo Di Maira

PALAZZO PFANNER / Il segreto del Marchese del Grillo

Palazzo Pfanner di Lucca è la location del celebre film “Il Marchese del Grillo”, diretto da Mario Monicelli e interpretato da Alberto Sordi, una commedia storica che fu il secondo maggior incasso nella stagione cinematografica 1981-82, con 12 miliardi di lire.

Un film che nasconde un mistero, adesso svelato.

C’è infatti una figura che ha sempre incuriosito la critica e il pubblico ovvero quella della marchesa del Grillo, la madre di Onofrio.
Chi fosse quell’attrice, e quali altri film avesse interpretato prima e dopo è sempre stato un segreto condiviso tra Mario Monicelli e Alberto Sordi che non vollero mai svelarne i retroscena.


Ebbene, ora un carteggio tra Monicelli e la direzione della società Opera Film di Roma che produsse la pellicola, rivela che ad interpretare quel ruolo venne chiamato un personaggio molto noto nel mondo del cinema italiano, a cui Monicelli e Sordi vollero tributare la loro grande riconoscenza attraverso il riserbo. 

Quella donna era infatti la “contessa” Elena Daskova Valenzano che per quarant’anni aveva ricoperto il ruolo di segretario generale e vice presidente del Premio David di Donatello al fianco di Italo Gemini, presidente dell’Agis, che lo aveva voluto a metà degli anni ’50. 

Elena inoltre aveva avuto un passato ingombrante essendo stata amante di Galeazzo Ciano negli anni ’30, quando lui era sposato con Edda Mussolini.


Il motivo di tanta riconoscenza stava proprio nei David di Donatello.
Mario Monicelli ne vinse ben quattro grazie alla regia di “Amici miei”, “Il male oscuro”, “Speriamo che sia femmina” e  “Un borghese piccolo piccolo”. 

Ad Alberto Sordi invece ne vennero consegnati sette per le interpretazioni di “Detenuto in attesa di giudizio”, “Fumo di Londra”, “Il medico della mutua”, “La grande guerra”, “Lo scopone scientifico”, “Un borghese piccolo piccolo” e “Tutti a casa”. 

A venire in possesso del carteggio è stato il barone Ivan Drogo Inglese, presidente di Assocastelli, l’associazione di immobili d’epoca e storici, (che annovera Palazzo Pfanner tra le sue proprietà) e che ogni anno, a Palazzo Nani Bernardo di Venezia, assegna il Premio Cinema e Patrimonio in occasione della Mostra Internazionale del Cinema.

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION

Newsletter