direttore Paolo Di Maira

MIPCOM/Questione di Soldi

Soddisfatta per il “tutto esaurito” degli spazi espositivi, Laurine Garaude, direttrice della divisione televisiva del Reed Midem, anticipa le novità  della prossima edizione del MIPCOM, il mercato dell’entertainment che si terrà  a Cannes dal 3 al 6 ottobre.
di Carolina Mancini

Si aprirà  con l’anteprima mondiale del primo episodio di “Missing”, la nuova serie di ABC (prodotta da Stillking Films), cui presenzieranno i protagonisti Ashley Judd, Cliff Curtis e Adriano Giannini.

Al Mercato saranno presenti circa 2600 buyers e 90 nuovi espositori (“ci saranno per la prima volta un Pavillion della Turchia, unodell’India e uno dell’Indonesia), fra cui spicca Miramax, fiore all’occhiello di questa edizione, il cui amministratore delegato, Mike Lang, sarà  uno dei keynote speaker.
“Lang terrà  il suo intervento il 3 ottobre assieme Ted Sarandos, chief content officer di Netflix, -spiega Garaude, – una coppia molto interessante, anche in considerazione dell’accordo che lo scorso maggio Miramax ha sottoscritto con la società  che offre servizio di film in streaming a pagamento.”

In uno scenario economico dominato dalla crisi, Garaude è tuttavia ottimista, “la situazione è migliorata dall’anno passato, vediamo segnali di crescita che vanno di pari passo con la necessità  di ridefinire continuamente le fonti di finanziamento, cercandone di alternative.”
E proprio a questo è dedicato il ciclo di conferenze raggruppate sotto il titolo di “Money Matters”, dove le questioni produttive (soprattutto quelle legate a contenuti multipiattaforma e transmediali) verranno affrontate con l’attenzione rivolta a players vecchi e nuovi.
Dalle banche (“Alternative Sources of Financing: Banks & Venture Capitalists”), al pubblico tout court (“Crowd-Sourcing: New Funds for Producers?) “Con il crowd-sourcing “” spiega la direttrice – il pubblico partecipa direttamente al finanziamento di un programma in cui crede, investendo proprie somme di denaro, secondo un modello che funziona già  da tempo nell’industria della musica e che sta prendendo campo anche nel mondo dell’entertainment”.
Verrà  poi dato spazio alle Film Commission e agli incentivi che queste agenzie sono in grado di generare: in “Breakfast with the Film Commissions” si avvicenderanno Patrick Lamassoure, Managing Director della Commission Nationale du Film France, Michela Ritondo, esperta di tasse internazionali del Federal Public Service Finance del Belgio, Elena Romanova, a capo dell’International Department del Russian Cinema Fund, Marijana Stoisits, Managing Director di Vienna Film Commission, e Olivier-René Veillon, direttore dell’ Ile de France Film Commission.
Oggetto di confronto e studio anche il Branded Entertainent e le Sponsorizzazioni:
“Indagheremo sulle nuove tendenze della “˜televisione di domani’, cercando di capire però come beneficiarne già  oggi attraverso le nuove possibilità  di finanziamento” .


Un’importante novità , all’interno del MIPJunior (nei due giorni precedenti al Mipcom, l’1 e il 2 ottobre), è l’apertura del ponte “book to tv”, in partenrship con London BookFair, che, come il Mipcom, è organizzata da Reed Exhibitions.
Spiega Garaude: “Con l’affermazione dei contenuti multipiattaforma si fa sempre più forte l’esigenza degli editori e dei produttori di incontrarsi per cercare nuove forme di collaborazione.
Questo funziona particolarmente bene nel mondo dell’entertainment per i bambini, popolato da personaggi immediatamente riconoscibili, che ben si prestano ai passaggi sulle varie piattaforme.
Il rapporto con il mondo dell’editoria è un aspetto fondamentale del licensing e dello sfruttamento della proprietà  intellettuale, che sono questioni di primo piano del MIPJunior.
La Fiera del Libro ci aiuterà  a portare gli editori a Cannes, mentre noi faremo lo stesso con i produttori a Londra.”
Sia all’interno del MIPJunior che del MIPCOM si registra una discreta crescita nella presenza delle compagnie di animazione.
La HASBRO avrà  per la prima volta uno stand, e anche dall’ Italia c’è una new entry nel settore animazione, l’Atlantyca.

Nonostante la soppressione dell’ICE non sparisce l’Italia Pavillion, che, anche se in dimensioni ridotte, sarà  presente, “grazie anche al supporto che ci sta dando l’APT “, afferma Garaude.

Il focus di quest’anno sarà  sulla Russia con un programma “molto articolato” che comprenderà  coproduzioni, nuovi programmi (“Fresh Tv Russia”), un vip lunch, e uno showcase sull’industria televisiva russa, ospitato nella “Russian House”, allestita all’interno del Mercato.

Articolo precedenteChi siamo
Articolo successivoEMILIA ROMAGNA/La Certosa di Stendhal

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION