EMMY KIDS AWARDS/Luce di Puglia

Con “Braccialetti Rossi”anche l’Italia quest’anno è candidata ai Emmy Kids  Awards, il maggiore riconoscimento per l’intrattenimento dedicato ai più giovani, che si svolgeranno il prossimo 5 aprile al Miptv di Cannes.
“Braccialetti Rossi”, la serie tv diretta da Giacomo Campiotti e prodotta da Palomar per Rai Uno, remake della catalana “Polseres Vermelles”, è stata selezionata nella categoria “Series”.
La serie, ispirata al libro omonimo e autobiografico dello scrittore spagnolo Albert Espinosa, segue le vicende di alcuni ragazzi, che, ricoverati in ospedale per varie cause, fanno amicizia tra loro. Palomar è stata la prima a credere in “Braccialetti Rossi” e a decidere di portarla in Italia, assieme a Rai, quando il format catalano era conosciuto solo in Spagna, dove stava avendo un gran successo.
I primi assieme a Steven Spielberg, a onor del vero, come rivela a Cinema&Video International il direttore generale di Palomar, Nicola Serra.
“Eravamo in Spagna, Carlo (Degli Esposti, fondatore e presidente di Palomar, n.d.r.) e io, per un’altra ragione, dovevamo incontrare il nostro partner spagnolo Big Bang Media. Proprio loro ci hanno chiesto di dare un’occhiata alla puntata di questo nuovo format: abbiamo deciso subito di prolungare di un giorno la permanenza, perché volevamo prenderlo ad ogni costo. La cosa pazzesca è che proprio in quei giorni la società di Spielberg stava chiudendo l’accordo per i diritti mondiali della serie, quindi siamo riusciti ad accaparrarci quelli per l’Italia al foto-finish.
Siamo stati però i primi a realizzarla da un punto di vista temporale: mentre noi già giravamo la seconda stagione, in USA sono usciti con la prima, “Red Band Society”, che però non è andata benissimo, tanto che l’hanno sospesa, pur contando sulla presenza nel cast di un premio Oscar (l’attrice Octavia Spencer – Oscar come attrice non protagonista per “Help”)”.

Il successo di “Braccialetti Rossi” in Italia, invece, è andato in crescendo: “Per una volta battere Spielberg su un prodotto per ragazzi è un bel risultato, lui di ragazzi ne sa qualcosa!” Scherza Serra, sottolineando, poi, che la soddisfazione per la nomination è legata soprattutto al fatto che a essere candidato sia un prodotto “che porta avanti valori positivi, ma che tocca temi difficili, e dolorosi, come la morte e la malattia fra i più giovani”.
Temi che alla fine sono stati capaci di intercettare un grande pubblico, e di rendere la serie un fenomeno globale, conosciuta in tutto il mondo, e oggetto di remake in molti paesi.
“La candidatura all’Emmy è un riconoscimento anche di questo, oltre che del marchio di fabbrica italiano”, prosegue Serra.
Un marchio di fabbrica che ha assicurato alle prime due stagioni, andate in onda nella primavera 2014 e 2015, ascolti fra i 6,5 e i 7 milioni, “’ringiovanendo’ di circa 10 anni il target di Rai Uno, con punte di oltre il 30% nelle fasce sotto i trent’anni, riunendo dopo tanto tempo tutta la famiglia di fronte alla televisione, e creando una community di fan sul web che è la maggiore in Italia, con quasi 2 milioni di persone.”

Ma quali sono gli elementi di questo successo? “Intanto la grande importanza che diamo alla scrittura, -spiega Serra. – La nostra prima serie prende molto da quella spagnola, sulla seconda abbiamo introdotto tanti elementi nuovi, grazie anche a Campiotti e a Sandro Petraglia, la terza serie invece è quasi tutta originale. La vedremo in autunno: stiamo montando adesso le puntate, che sono molto belle, con personaggi nuovi che affiancheranno quelli storici.
Altro fattore determinante è la condivisione dei valori di cui la serie è portatrice, e quindi la passione che abbiamo messo in ogni dettaglio, in ogni miglio della strada che abbiamo percorso insieme, soprattutto con Rai, che ha avuto un grande coraggio a credere in questo progetto e a sceglierlo per la prima serata di Rai Uno.
C’è poi l’ottima regia di Campiotti, che è riuscito a tradurre tutto questo in immagini, dirigendo un cast esemplare di ragazzini (prima sei, adesso dodici), che hanno lavorato con grande maturità e sensibilità, cosa non scontata visto la loro giovane età. Diciamo che abbiamo trovato una formula dove ogni elemento è azzeccato, dalla musica, altra grande protagonista della serie, all’ambientazione.”
Location centrale di “Braccialetti Rossi” è l’ospedale dove i ragazzini sono ricoverati, e che è stato ricostruito interamente all’interno del CIASU (Centro Internazionale Alti Studi) di Fasano, in Puglia.
“Abbiamo scelto la Puglia grazie anche all’Apulia Film Commission, che ci ha portato in questo centro a Fasano, perfetto all’interno per il tipo di scenografie che volevamo realizzare, e all’esterno per l’ambiente un po’ magico, con gli ulivi secolari, la veduta sul mare, una location che è diventata un tratto identitario della serie. In “Braccialetti Rossi” c’è una componente forte di realismo, ma anche di emozione, ci sono degli elementi duri, che riguardano la malattia e la morte, a cui il racconto non fa sconti, pur essendo volto comunque al positivo, alla luce… E la luce in questo luogo, soprattutto al tramonto e all’alba, è spettacolare. Le riprese hanno interessato tutta la Puglia: principalmente la costa settentrionale, attorno a Bari, Monopoli, Polignano a Mare, ma anche il Salento e le Isole Tremiti”.

Articoli collegati

CON FLIGHT A GENOVA IL CINEMA INTERNAZIONALE

Dal 10 al 18 ottobre la prima edizione di Flight, Mostra internazionale del cinema di Genova, al cinema Nickelodeon, nei cineclub cittadini nelle gallerie d'arte e all'Alliance Française

SPOSTATO AL 2022 L’ITALIA COUNTRY IN FOCUS ALL’EFM

L'Italia sarà il Paese in Focus dell'European Film Market della 72° Berlinale, nel 2022. Originariamente programmato per il 2021, è stato spostato di un anno a causa delle restrizioni per il Covid 19. "Italia in Focus" è supportato dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT) e dall'ANICA.

VENEZIA / I film sostenuti da Roma Lazio Film Commission

Numerose le opere supportate dai fondi della Regione Lazio, presenti in Concorso e nelle sezioni e rassegne collaterali della 77aMostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia
- Sponsor -

Cinema&Video International n.179

Il numero di ottobre 2020 è distribuito al MIA di Roma e sulla piattaforma di MIPCOM Online+
- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

VIRTUAL PRODUCTION, VR e GAMES: il MIA guarda al FUTURO

Tecnologie dei videogame per il cinema; produzione virtuale, game engines e realtà aumentata: al MIA le esperienze di Onemore Pictures, Hive Division e Mixed Bag

MIA: PREMIATI MISS FALLACI e DARKSIDE

I premi e i numeri del MIA in chiusura della sesta edizione. Vincono, fra gli altri, gli italiani "Miss Fallaci takes America", "Darkside, the quest for dark matter detection". Lazio Frames Award a "La verità sulla dolce vita"

WHAT A CARTOONIST! Cartoon Network lancia un contest

E' stato lanciato ieri al MIA il nuovo contest per giovani creativi di Cartoon Network Warner Italia, "What a cartoonist!" Sarà aperto agli under 35 e punta a cercare contenuto e idee per produrre un corto, una app, o un progetto seriale.
- sponsor -

INDUSTRY

NOMAD/Al cinema l’omaggio di Herzog a Chatwin

"Nomad: In cammino con Bruce Chatwin", il documentario diretto dal maestro del cinema tedesco Werner Herzog, dedicato all'amico e grande scrittore e viaggiatore Bruce Chatwin, dopo essere stato presentato alla 14/ma Festa del Cinema di Roma e al 68/mo Trento Film Festival uscirà nelle sale italiane il 19, 20 e 21 ottobre co-distribuito da Feltrinelli Real Cinema e Wanted Cinema.

VIRTUAL PRODUCTION, VR e GAMES: il MIA guarda al FUTURO

Tecnologie dei videogame per il cinema; produzione virtuale, game engines e realtà aumentata: al MIA le esperienze di Onemore Pictures, Hive Division e Mixed Bag

MIA: PREMIATI MISS FALLACI e DARKSIDE

I premi e i numeri del MIA in chiusura della sesta edizione. Vincono, fra gli altri, gli italiani "Miss Fallaci takes America", "Darkside, the quest for dark matter detection". Lazio Frames Award a "La verità sulla dolce vita"
- sponsor -

LOCATION

AFC SEMPRE PIU’ PRODUTTORE CON IL SUO FILM FUND

Simonetta Dellomonaco, presidente di Apulia Film Commission, ha presentato al MIA di Roma il sistema cinema della Regione, parlando delle nuove sfide e opportunità: quelle ad esempio, all’Apulia Film Fund, che da luglio AFC eroga direttamente

IL TFL DIVENTA GREEN CON TRENTINO FILM COMMISSION

Lanciato al MIA il il Green Filming Award, premio che sancisce una nuova collaborazione fra Trentino Film Commission, e Torino Film Lab

LIUZZI: Le azioni del MISE per il futuro dell’audiovisivo

Al MIA il sottosegretario allo Sviluppo Economico Mirella Liuzzi dialoga con il direttore, Lucia Milazzotto, sui programmi di sviluppo tecnologico e innovativo del MISE che riguardano il futuro dell'audiovisivo