ITALIAN WAY/ Le rassicurazioni di Unicredit

“L’empowerment del pubblico e la customer experience diventano value driver per il mondo cinematografico, da attuare in primis attraverso investimenti per una riqualificazione immobiliare e tecnologica delle sale”.

Giriamo questa raccomandazione agli esercenti, sicuri che ne trarranno vantaggio .

Per il resto, la seconda tappa dello scorso 17 giugno da Roma per The Italian Way (una roadmap virtuale organizzata da UniCredit) è stata l’occasione per rassicurare il mondo dell’imprenditoria cinematografica (“presenti” tra gli altri Francesco Rutelli, Francesca Cima, Benedetto Habib, Giampaolo Letta, Luigi Lonigro, Giuseppe Tornatore, oltre a Andrea Casini, Lucio Izzi, Salvatore Pisconti di Unicredit), che in questa fase di ripartenza Unicredit è pronta.

Come recita il comunicato dell’Istituto bancario, infatti, “con il Decreto Liquidità abbiamo previsto nuove soluzioni, non solo per i finanziamenti fino a 30 mila euro, ma anche per quelli fino a 800 mila e 5 milioni di euro garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia e da SACE e abbiamo già erogato più di 1,3 miliardi di euro a circa 60 mila aziende italiane che hanno presentato le richieste per un finanziamento fino a 30 mila. Siamo consapevoli che è necessario un cambiamento importante e come UniCredit, quale partner dell’Italia e delle imprese italiane, vogliamo esserne parte”.

Quanto poi all’analisi della situazione, lo studio presentato da Laura Torchio, Industry Expert UniCredit, sugli effetti del Covid 19 sull’industria cinematografica e sulle nuove opportunità da cogliere, ha confermato valutazioni precedentemente espresse:

“1. Il primo, immediato effetto è stato il crollo delle entrate al box office. Si stima che nel primo semestre del 2020 il settore delle sale possa avere perso circa il 40% del proprio fatturato annuo.

2. Il secondo effetto è stato l’interruzione della catena di fornitura dei contenuti. I set cinematografici, in corso e in programmazione, si sono fermati (20 produzioni interrotte in Italia) e ci si aspetta un rallentamento delle nuove produzioni.

3. Il terzo è il crollo degli investimenti pubblicitari televisivi, che riduce i ricavi dei broadcaster con ripercussioni negative sulla produzione di nuovi contenuti audiovisivi

4. Il quarto effetto è il boom dei servizi di streaming, che hanno registrato un’impennata di nuovi abbonati nel periodo di lockdown”.

Dunque:

“Uno dei pilastri su cui lavorare in questa fase di ripartenza  è investire nell’innovazione: innovazione nelle strategie di distribuzione sfruttando le piattaforme e innovazione nelle tecniche di produzione, facendo leva sulle nuove tecnologie, quali ad esempio la realtà aumentata, virtuale, interattiva che possono ridare speranza anche alle sale e aiutare ad abbattere tempi e costi di produzione. Le sale si confermano il comparto più vulnerabile della filiera, che sta subendo i contraccolpi maggiori dalla crisi. Per poter sopravvivere e prosperare nel post COVID sarà fondamentale che gli esercenti attuino un cambio di strategia, passando da un modello di business incentrato sul prodotto (il film) ad uno orientato allo spettatore”.

Nella sezione: News