direttore Paolo Di Maira

GREAT HISTORY, GREAT STORIES

Set of “The New Pope” by Paolo Sorrentino. Photo by Gianni Fiorito

Further away than Abruzzo, says a character in Decameron, indicating an incredible distance, recalls Giorgio Manganelli, the sophisticated traveler who has authored brilliant articles about this region. The barely known history of Abruzzo also appears to be far away. Discovering it can also enrich cinema through the many stories that have populated this land over the centuries. Starting from far away and only by way of an example, the figure of the Italic warrior Quinto Poppaedius Silo emerges who, in the first century B.C., led the Italic League in the social war against Rome ensuring the recognition of Roman citizenship for the populations which were previously united under the name of “Italia”.

Another crucial moment in the history of the peninsula and of the European scenario was marked, in Abruzzo, by the battle of Tagliacozzo, in 1268, between the Ghibelline supporters of the fourteen-year-old Conradin of Swabia (the “child king”) and the Angevin troops of Charles I of Anjou, on the Guelph side. The Angevin troops won, changing the course of history.

Soon after, however, the Peligna Valley and the mountainous area of Abruzzo witnessed another epochal moment, not just for the destiny of the region but for that of the Catholic Church and Europe: the election to the Papal throne, on August 29 1294, of Pietro da Morrone who, from his retreats, which can still be visited on Mount Morrone in the Majella National Park, was persuaded to be crowned pope with the name of Celestino V, the first pope in history to resign.

Many other stories, following the Unification of Italy, are linked to the phenomenon of brigandry like that of Anacleto Salutari, the former seminarist from the Subequana Valley who became a brigand and was convicted with the help of the handwriting analysis carried out on a ransom note he wrote.

A completely different story is that of Corradino D’Ascanio from Popoli, an aeronautical engineer, celebrated as the inventor of the helicopter which was not a success for him and, above all, after World War II, as the inventor of the Vespa, one of the symbols of Italy’s economic miracle in the years of the reconstruction. Another strange story is that of the Majella Brigade, the only partisan formation to receive the gold military campaign medal, was one of the very few groups of patriots of republican inspiration to join up with the allied forces after the liberation of their territories of origin who participated in the liberation of the Marche,Emilia Romagna and Veneto.

If it is true that all stories continue to live in places, this is extraordinarily true in Abruzzo which appears, as Manganelli accurately observed, like a “gigantic theater stage”.

Articoli collegati

BASILICATA/Miracoli in VR

A fine novembre a Matera e dintorni avranno luogo le riprese del film in Virtual Reality “The 7 Miracles of Jesus” , girato attraverso...

ESERCIZIO/Il Giro dei Cinema

Il Giro dei Cinema: alla scoperta delle buone pratiche dei cinema d'essai attraverso un viaggio in 42 sale italiane

Cinema&Video International n.179

Il numero di ottobre 2020 è distribuito al MIA di Roma e sulla piattaforma di MIPCOM Online+
- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

FILM SCHOOL NETWORK / Al via il meeting internazionale delle Scuole di Cinema

Si svolgerà dal 4 al 6 dicembre online la seconda edizione di Film School Network, l’evento di networking e proiezioni dedicato alle scuole di cinema europee, organizzato dalla casa di produzione lucchese Metropolis, che dal 2015 si occupa anche di formazione con la sua Accademia di Cinema Toscana.

BIENNALE COLLEGE / Prima candidatura all’Oscar

Prima Candidatura all'Oscar per un film di Biennale College: "This is not a Burial,It's a resurrection" (Lesoto). Annunciati i 4 progetti che diventeranno film di questa 9 edizione. Fra questi, "La Tana" dell'italiana Beatrice Baldacci

WEB FESTIVAL / Al via il Digital Media Fest online

Si svolgerà dal 30 novembre e terminerà il 2 dicembre, con una formula interamente digitale il Digital Media Fest, il festival creato e diretto da Janet De Nardis: 3 giorni di webserie, cortometraggi e vertical video provenienti da oltre 30 Nazioni.
- sponsor -

INDUSTRY

FILM SCHOOL NETWORK / Al via il meeting internazionale delle Scuole di Cinema

Si svolgerà dal 4 al 6 dicembre online la seconda edizione di Film School Network, l’evento di networking e proiezioni dedicato alle scuole di cinema europee, organizzato dalla casa di produzione lucchese Metropolis, che dal 2015 si occupa anche di formazione con la sua Accademia di Cinema Toscana.

BIENNALE COLLEGE / Prima candidatura all’Oscar

Prima Candidatura all'Oscar per un film di Biennale College: "This is not a Burial,It's a resurrection" (Lesoto). Annunciati i 4 progetti che diventeranno film di questa 9 edizione. Fra questi, "La Tana" dell'italiana Beatrice Baldacci

DIVERSITY MEDIA AWARDS / Berry Bees miglior serie kids

"Berry Bees", una coproduzione internazionale di Atlantyca con SLR Productions, Telegael e Studio Cosmos-Maya con la partecipazione di Rai Ragazzi e NINE Network, è stata premiata come Miglior Serie Kids dell’anno ai Diversity Media Awards 2020
- sponsor -

LOCATION

LOMBARDIA /Come rilanciare la Film Commission

La necessità e l’urgenza di riformare e rilanciare la Lombardia Film Commission è stato oggetto del convegno No signal? Audiovisivo lombardo, una nuova film commission come motore del rilancio, organizzato dal raggruppamento Cinema e Audiovisivo di Cna Lombardia e a cui hanno partecipato istituzioni, associazioni, operatori. Gli interventi di Curti, Priarone, Maselli, Ippoliti, Dell'Acqua, Del Corno, Masotina, Pedote, Bocca Gelsi, Trivellini

PIEMONTE / 5 progetti sostenuti dal Film Tv Fund

Il nuovo film di Davide Ferrario, "Tutto qua” (titolo provvisorio) le cui riprese si stanno concludendo a Torino, è uno dei cinque titoli che beneficerà del contributo el Bando POR FESR "Piemonte Film Tv Fund". Sostenuti anche per Indyca, IIF, Casa delle Visioni e Viola Film

CORTI / Ça Tourne! il nuovo concorso di F.F.C. Vallée d’Aoste

“ÇA TOURNE!”: c'è tempo fino al 9 dicembre per partecipare al concorso di idee finalizzato alla realizzazione di cortometraggi bandito da Fondazione Film Commission Vallée d’Aoste e rivolto a professionisti residenti o domiciliati in Valle d’Aosta, imprese, associazioni culturali e fondazioni valdostane o che abbiano sede legale od operativa sul territorio regionale