direttore Paolo Di Maira

EFM/Torna l’Ottimismo

Il mercato a Berlino/ Ottimismo all’EFM

A dispetto delle temperature proibitive, è stata decisamente calda
l’atmosfera che si è respirata all’European Film
Maket
quest’anno: elevato il numero dei partecipanti (6450),
distribuiti in 419 società  (di cui 129 nuove) e 1300 buyers internazionali, che
si sono avvicendati all’interno dei luoghi del mercato, il Martin
Gropius Bau
e e il Marriott vspace=2 align=left
src=”https://www.cinemaevideo.it/wp-content/uploads/beckiprobst2.jpg”>Hotel
.

48 i paesi rappresentati e 666 i film (di cui 517 anteprime) ospitati negli
screenings.
E’ con queste soddisfacenti cifre alla mano che Becki
Probst
, direttrice dell’EFM, traccia il suo bilancio sull’edizione del
mercato appena conclusa:
“Siamo molto contenti dei risultati di quest’anno,
è stato un mercato solido, dove si respirava ottimismo, anche perché siamo
riusciti ad intercettare positivamente le aspettative degli operatori, che sono
ovviamente è la nostra priorità .”
E anche gli esportatori italiani sembrano
essere stati toccati da questa ventata d’ottimismo


Sesto Cifola/ Trattative su Gorbaciof

“Abbiamo raddoppiato gli incontri rispetto all’anno passato, – commenta
Sesto Cifola, di Rai Trade, – quest’anno poi
siamo tornati al Martin Gropius, che è una location che ci dà  più visibilità 
rispetto al Marriott Hotel dove eravamo un anno fa, e abbiamo anche un listino
più corposo.”
Sono 10 i film targati Rai Trade presentati agli Screenings:
“Abbiamo venduto “Dieci Inverni” in Scandinavia (NonStop Sales)
e in Australia, a Palace.
Sempre con Palace abbiamo chiuso
per “L’Uomo Nero- The Cézanne Affair”, che abbiamo venduto anche all’argentina
Primer Plano, e per “Alza la Testa”.
Sono continuate poi
con successo le vendite di “Barbarossa”, che avevamo già  venduto ampiamente
venduto al Festival di Roma, e che qui abbiamo ceduto alla spagnola
Lauren Film e ad Atlantic (Scandinavia)”.

Tre le Market Premiere del gruppo, oltre al sopracitato “L’Uomo Nero”, anche
“Io & Marilyn”, che “ha destato grande interesse in Russia, in Australia e
in Argentina” e il cartoon “I Cuccioli”, per il quale “abbiamo avviato
trattative con Germania, Serbia e Montenegro.”
“Ci siamo inoltre dedicati ad
un enorme lavoro di promozione su quelli che possiamo considerare i nostri
titoli di punta, ancora in postproduzione, – conclude Cifola, – “Gorbaciov, il
Cassiere col vizio del Gioco”, il nuovo film con Toni Servillo, per la regia di
Stefano Incerti, che stiamo sottoponendo a festival importanti e per il quale
abbiamo già  iniziato a trattare con diversi territori, tra cui Germania,
Francia, Olanda, e il mockumentary “Il Mondiale dimenticato” di Lorenzo Garzella
e Filippo Macelloni, tratto dal libro di Osvaldo Soriano “Il Figlio di Butch
Cassidy” e dedicato ad un campionato del mondo giocato nel 1942 in Patagonia e
tutt’oggi avvolto dal mistero. Speriamo di mostrarlo a Cannes, proprio in
concomitanza con l’inizio dei Mondiali 2010.” vspace=2 align=right
src=”https://www.cinemaevideo.it/wp-content/uploads/efm09.jpg”>


 


Adriana Chiesa/ E’ partita l’operazione
Moccia

“L’edizione di quest’anno dell’Efm ha superato le nostre
aspettative, considerata anche la situazione economica globale,- sostiene name=chiesa>Adriana Chiesa, alla guida di Adriana
Chiesa Enterprises
, – l’anno scorso per noi fu disastroso, quest’anno
invece abbiamo notato una minore presenza di acquirenti, anche se sicuramente
più qualificata. Si ritorna a comprare, ma con grande cautela e oculatezza, e
sicuramente i compratori sono più sereni, non si respira più il clima di panico
di un anno fa.
E’ diminuita la presenza dei giapponesi, ma è aumentata
notevolmente quella dei cinesi, e proprio con la Cina stiamo trattando la
vendita di diversi titoli.
Due i progetti su cui il gruppo si è concentrato
maggiormente: “Una è l’operazione Moccia’, per la quale abbiamo voluto investire
affinché la trilogia seguisse un percorso diverso rispetto a quello classico di
critica e passaggio nei festival. Sia in Spagna (Savor) che in
Russia (Cascade) abbiamo curato una strategia promozionale
abbinata all’uscita dei libri: in Spagna i film sono stati doppiati in
castigliano e in catalano, e la stessa cosa abbiamo fatto in Russia, è la prima
volta che un film italiano esce doppiato in russo.”
Adriana Chiesa
Enterprises ha poi lanciato all’European Film Market una sua coproduzione: il
film di Roberta Torre “Baci mai dati”, interpretato da Donatella Finocchiaro,
Beppe Fiorello e Piera Degli Esposti e coprodotto con Nuvola
Film
e Rosetta Film.


Roberto Di Girolamo/ Successo per Brass
in 3D
“Quest’anno per
noi è andata abbastanza bene, -afferma Roberto Di Girolamo, di
FilmExoprt Group,- c’è stata una piccola ripresa, soprattutto
per quanto riguarda i film di catalogo, per i quali si sono aperte nuove
tipologie di sfruttamento.
Sui nuovi film invece i buyers sono molto
selettivi, perché ci vogliono somme sempre più grosse per stare al passo con le
uscite americane.” Due i titoli che hanno destato grande interesse, entrambi in
pre-produzione: “Who Killed Caligula?”, la nuova commedia erotica in 3D firmata
da Tinto Brass, per la quale “nel passaggio fra l’AFM e l’EFM abbiamo chiuso
vari contratti e dovremmo concluderne altri presto” e il film drammatico “The
Noise of Silence”, dedicato alla figura di Aung San Sun Kyi, “una storia a cui
teniamo molto e per la quale abbiamo ricevuto l’interessamento di un’importante
major americana.”
Di Girolamo conclude con una riflessione generale sul
mercato:
“L’EFM è sicuramente inserito in un buon periodo dell’anno, anche
se ormai è diventato molto simile a Cannes e all’American Film Market, perdendo
la sua specifità  di mercato selettivo e attento ai film di qualità , –
personalmente lo preferivo come mercato di nicchia, e credo che proseguire su
questa via sarebbe stata anche per Berlino un’occasione per rafforzare il
mercato e il festival nel senso della qualità , considerato anche il fatto che a
Venezia il mercato manca.”

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION