direttore Paolo Di Maira

CONVENTION 1 / Cosa ci aspetta in Sala

Cinema a colori e  che  continua a far sognare: gli slogan con cui Medusa e 01 hanno aperto le Convention nella prima delle due Giornate di Cinema Reload hanno dato il là alla ventata di  ottimismo con cui i distributori salutano la riapertura delle sale.
Centellinati i titoli presentati da Luigi Lo Nigro, che ha iniziato con “Il cattivo poeta”, opera prima Gianluca Jodice,  dove Castellitto interpreta Dannunzio negli ultimi anni della sua vitaa,  e ha poi virato decisamente  verso il commerciale con due saghe molto attese (“Spiral- l’Eredità di Saw” il nono capitolo dei seguaci di Saw, e il terzo capitolo di “After” atteso a gloria dalle giovanissime che a settembre hanno affollato i cinema per la ‘puntata’ precedente, che ha incassato oltre 650 mila euro il primo giorno di programmazione), e l’esilarante “School of mafia”, che vedrà Nino Frassica nei panni di un padrino d’eccezione, con il compito di ri-educare in Sicilia tre giovani rampolli newyorkesi, figli di dei boss mafiosi più potenti della città.
Tornerà anche in sala “I Predatori” di Pietro Castellitto: la notizia è stata annunciata nel momento della consegna dei biglietti d’oro al giovane attore. 

Divertimento e adrenalina sono le carte su cui scommette Medusa, che ha apre le danze però con il cinema d’autore, fresco di Oscar al migliore film straniero “Another Round” di Thomas Vinteberg, sarà in sala dal 20 maggio (distribuito in collaborazione con Movies Inspired). Poi arriveranno i “Supereoi” di Paolo Genovese, con Alessandro Borghi Jasmine Trinca, Greta Scarano, Vinicio Marchioni; “Dica 33” di Guido Chiesa, “Con tutto il cuore” di e con Vincenzo Salemme nei panni di un onesto napoletano a cui viene trapiantato il cuore di un criminal;, “The Doorman” con Jean Reno, l’action “Vanguard”, la favola di fratellanza per famiglie “Tigers Nest” di Brando Quilici, la straordinaria storia d’amicizia fra un ragazzino e un pellicano ambientata nell’Australia del Sud, “Storm Boy”.

Ancora più ottimisti, se possibile, Nicola Maccanico e Andrea Occhipinti, che nell’introdurre le nuove proposte di Vision Distribution e Lucky Red sottolineano come l’unicità dell’esperienza in sala, di cui il Covid ci ha resi ancora più consapevoli, uscirà rafforzata da questo periodo di difficoltà.

Lunghissima la lista dei titoli di Vision, presentati da Nicola Maccanico nella sua ultima uscita ufficiale come CEO della società, ruolo che abbandonerà per diventare amministratore delegato di Cinecittà: dal nuovo film di Woody Allen ambientato al festival di San Sebastian  “Rifikin’s Festival” che arriverà al cinema a  maggio, alla Roma in cui non piove mai di Paolo Virzì (“Siccità”), all’ “America Latina” dei Fratelli d’Innocenzo.
E ancora la nuova dark comedy dei Manetti Bros “Il mostro della cripta”, “Morrison” in cui Zampaglione dirige l’idolo teen Lorenzo Zurzolo; “Aria Ferma” di Leonardo Di Costanzo; Paola Cortellesi e Antonio Albanese in un altro episodio di “Come un gatto in tangenziale- Ritorno a caccia di morto”; la commedia partenopea “Ben venuti in casa Esposito”, “Il silenzio grande” ritorno alla regia di Alessandro Gassman tratto dall’omonima piece teatrale di Maurizio De Giovanni; “State a casa” di Road Johnson;  “Atlas” di Niccolò Castelli, “Tutti per Uma” debutto di Susy Laude interpretato da Pietro Sermonti e Lillo, il nuovo film di Soldini, “3-19”; la nuova commedia romantica di Edoardo Leo,  “Lasciarsi un giorno a Roma”; “Corro da te”, remake della commedia francese “Tutti in piedi” diretta da Riccardo Milani.

Lunga la lista di Lucky Red, che spazia dai candidati agli Oscar  (e hit di Netflix) “Mank” e “Pieces of a Woman”, al debutto straordinario di Mara Del Pero, “Maternal”, che Le Figaro ha classificato fra i migliori film del 2020, pluripremiato a Locarno. Dai festival arriva anche  “Bad Luck Banging o Looney Porn”, l’Orso d’Oro di quest’anno, “Nowhere special” di Umberto Pasolini, “Supernova” con Colin Firth e Stanley Tucci.
E poi, “Salvatore: Shoemaker of Dreams” il documentario di Guadagnino su Ferragamo, “Penguin Bloom” con Naomi Watts, l’horror spagnolo di grande successo “Possession, l’appartamento del diavolo”, “La Donna per me” di Marco Martani, “Io sono babbo natale” con Marco Giallini e Gigi Proietti.

Da Cannes e Toronto è passata colei che è stata definita “la Woody Allen al femminile” Justine Triet con “Sibyl- labirinti di donna”, che distribuisce  Valmyn (che porterà nelle sale anche Elio Germano e la realtà virtuale in  “Segnale d’ allarme”). 
Dalla Berlinale arriva “Dau. Natasha”, al cinema con Teodora, che dal 6 maggio fa uscire “Due” esordio inedito in Italia di Filippo Mereghetti, candidato al Golden Globe e rappresentante della Francia agli Oscar.

Movies Inspired, oltre al già citato “Another Round” in collaborazione con Medusa, porterà in sala il film francese “La brava moglie” di Martin Prevost.

E’ grazie a Fenix Entertainment che vedremo invece l’omaggio al cinema di Zhang Yimou, “One Second”.

La prima delle Giornate Reload ha visto inoltre le convention di I Wonder Pictures (leggi qui le proposte) e Adler Entertainment (leggi qui), e i trailer dei nuovi titoli di Officine Ubu (leggi qui) e Euro Pictures (leggi qui)

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION

Newsletter