direttore Paolo Di Maira

CONTROTENDENZE/Un Multiplex in Centro

Può vantare le tecnologie più sofisticate IMG Cinemas, il complesso Multiplex che aprirà a Mestre il prossimo 12 dicembre: dal proiettore laser capace di conferire alle immagini una straordinaria luminosità, al sistema sonoro Dolby Atmos che con i suoi 60 canali è in grado di ricreare una dimensione sonora mai vissuta prima in una sala cinematografica.
A valorizzare le meraviglie hi-tech di IMG Cinemas provvederà  il  blockbuster della Warner Bros “Lo Hobbit, la desolazione di Smaug”.

Se la ricerca della qualità attraverso la tecnologia non è nuova per un nuovo multiplex,  in controtendenza c’è il fatto che il complesso cinematografico è situato nel cuore di Mestre, accanto alla centralissima Piazza Ferretto:
“ Abbiamo ribaltato il concetto di multisala tradizionale urbana – commenta Gianantonio Furlan, amministratore delegato di IMG Cinemas  e da tre generazioni nell’esercizio cinematografico – riportando la tecnologia e la qualità nel centro della città: è un concetto di multiplex urbano che prima non esisteva”.

IMG Cinemas  – 6 schermi per un totale di 1200 posti – è stato ricavato all’interno di un’area precedentemente edificata, il Centro Culturale Candiani, e con il Centro condivide la hall di nuova costruzione attraverso cui si accede anche alla libreria in Mondadori, video bookstore di 200 metri quadrati specializzato nel cinema e arti visive, una caffetteria, una gelateria e tre  ristoranti. Al pubblico è assicurato un parcheggio sotterraneo di 150 posti auto che si aggiunge ai 700 posti auto nelle immediate vicinanze ( altri 350 saranno pronti entro Pasqua, in uno spazio adiacente al cinema).

Il progetto ha avuto una lunga gestazione – l’idea nacque 6 anni fa, ricorda Furlan- ed è frutto di una laboriosa trattativa tra il Gruppo Furlan che a Mestre possiede tre multisale ( praticamente tutti i cinema, ad eccezione della sala d’Essai Dante), e l’amministrazione comunale, interessata a riqualificare un’area molto prossima al degrado.

Si tratta di un’operazione articolata (di cui il cinema è solo una parte), costata circa  15 milioni di euro, e appare un caso riuscito d’impresa mista pubblico- privato. Il Gruppo Furlan si è impegnato a fare le opere di edificazione e ristrutturazione, compresa la riqualificazione della piazza antistante, e in cambio  ha acquisito  per 60 anni la proprietà di una parte delle aree.

L’offerta cinematografica sarà concentrata sul nuovo multiplex: delle altre multisale solo una, la multisala Palazzo, per il momento continuerà a fare cinema, mentre il Corso farà solo teatro e l’Excelsior avrà altre destinazioni commerciali.

 

 

Articoli collegati

- Sponsor - spot_img

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -spot_img

INDUSTRY

- sponsor -spot_img

LOCATION

Newsletter