direttore Paolo Di Maira

CINETURISMO/Doppio incontro a MovieMed

La prima edizione di MovieMed Meetings, organizzato dalla Camera di Commercio Marseille Provence il 18 e il 19 gennaio, ha dato prova di essere uno degli eventi più attraenti e innovativi, ma, proprio per questo, non è stato facile star dentro gli obiettivi che si era proposto: riunire per due giorni più di 60 professionisti del turismo e dell’audiovisivo provenienti da sei paesi di entrambe le sponde del Mediterraneo (Spagna, Francia, Libano, Egitto, Tunisia e Marocco) per partecipare a conferenze, ad un mercato dei progetti, e gettare le basi ad una reale collaborazione.

La scelta di sviluppare gli incontri nel Mediterraneo non è dovuta solo al supporto dato dal programma europeo Investin- Med, ma anche a ragioni geografiche: il bacino del Mediterraneo è uno dei più importanti produttori di audiovisivo, e anche una delle destinazioni turistiche più importanti del mondo.
Tuttavia, anche se ormai risulta evidente l’effetto promozionale delle immagini cinematografiche e televisive nella scelta delle destinazioni turistiche degli spettatori, avviare una collaborazione fra i territori interessati non è poi così semplice.
Perciò, l’elemento centrale di MovieMed è stato la Borsa dei Progetti, durante la quale sei serie di documentari o lungometraggi in fase di sviluppo sono stati presentati ad una giuria di «decision-makers» provenienti sia dal Turismo che dall’Audiovisivo, “obbligandoli” così a collaborare e a scambiarsi idee per decidere quali dei progetti avrebbe portato il ritorno economico e turistico maggiore nei territori interessati dalle riprese.
“E’ la prima volta che una borsa dei progetti ha messo al centro della selezione le regioni candidate ad ospitare le riprese dei film, a beneficiare della loro produzione e distribuzione e, dunque, a fornire loro supporto”, spiega Richard Bower della Camera di Commercio e dell’Industria Marseille Provence.
Tra i vincitori, «Al Andalus», del produttore egiziano Ahmed Atef, un epico affresco medievale interpretato da Omar Sharif, in cui una giovane principessa inglese scopre l’Andalusia, terra in cui tutte le religioni convivevano nel rispetto reciproco.
Questo progetto, vincitore del MovieMed Prize, ha già  trovato i tre quarti dei finanziamenti necessari, ma è ancora in cerca di un certo numero di locations e di coproduttori europei.
Il Marseille Provence 2013 Prize (Marseille Provence sarà  la capitale europea della cultura quell’anno) è andato a «La Route des Oliviers», progetto di una serie di dieci documentari da 50 minuti di Michel Noll, che dovrebbero essere trasmessi su Arte nella fascia di prima serata, e che esplorano emblematicamente le regioni del Mediterraneo attraverso l’albero d’olivo.


La seconda edizione di MovieMed si svolgerà  a gennaio 2011 a Ouarzazate, l’unico territorio del Mediterraneo del Sud ad avere una Film Commission (partner di MovieMed) che segue le linee del modello occidentale. Sia EuFCN che Film France sono, a maggior ragione, entrambi partenrs di MovieMed.

Articoli collegati

- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

- sponsor -

INDUSTRY

- sponsor -

LOCATION