direttore Paolo Di Maira

APULIA/Growing Fund

The Fund is growing and changing the rules: this is the news coming out of the latest Board of Directors’ meeting of the Fondazione Apulia Film Commission.
The Film Fund’s financial allocation has jumped from 1.6 million Euros in 2010 to around 2 million Euros in 2011, following a trend that has seen the figure grow every year (in 2007, the year the fund was set up, it amounted to 258 thousand Euros).
But, for the first time this year, the AFC is raising its sights by imposing additional conditions on production companies: 35% of the personnel hired (cast and crew) should be citizens of Apulia or residents of the region (before it was 30%), the minimum expenditure in the region increases from 150 to 200% of the contribution received, and there should be at least three weeks of filming in Apulia (instead of two) for drama features (as well as movies and TV series), two weeks for documentaries (as well as docu-dramas and mockumentaries), four working days for shorts and two for video clips.

“The idea is to increase resources by qualifying the supply in the territory”, explains Silvio Maselli, general manager of the Fondazione Apulia Film Commission since 2007 and recently confirmed in the post for the next four years.
Maselli knows that times are hard, starting with domestic productions. “The uncertainty regarding the reintegration of the FUS state funding”, he agrees, “has caused havoc for most companies.
Apart from the 2 or 3 companies who manage to produce 4-5 movies per year, all the others are finding it hard to get going again and this will cause a backlash for Film Commissions as well: even we have fewer movies than in the past”.

And things are not improving even though horizons are expanding to include international markets:
“Attracting foreign productions is a pipe-dream, we do what we can by taking part in all the international fairs but it is hard work because you can’t attract a production on your own, you have to do it as a country system and, from this point of view, there is a total lack of investment, particularly in intelligence”.


What can be done?
Maselli and his staff are looking at alternative solutions.
“Our objective is to leave the logic of European structural funds behind and start realizing our own international and EC projects, aiming for internal utilization.
For example, by taking part in the MEDIA program tenders and, more in general, by targeting European sectorial funds (Editor’s note: in 2013 Apulia, along with another three southern Italian regions, will leave the “convergence objective area” and, as a result, the structural funds, i.e. those dedicated to regional policies, will decrease).
We could also start to produce directly ourselves, putting forward our own ideas”.
This is the case for the documentary marking the twentieth anniversary of the Albanians landing on the coasts of Apulia which will see the Apulia Film Commission in the role of co-producer, for the first time, “along with Indigo Film, to whom we presented the project”, concludes Maselli.

Articoli collegati

BASILICATA/Miracoli in VR

A fine novembre a Matera e dintorni avranno luogo le riprese del film in Virtual Reality “The 7 Miracles of Jesus” , girato attraverso...

ESERCIZIO/Il Giro dei Cinema

Il Giro dei Cinema: alla scoperta delle buone pratiche dei cinema d'essai attraverso un viaggio in 42 sale italiane

Cinema&Video International n.179

Il numero di ottobre 2020 è distribuito al MIA di Roma e sulla piattaforma di MIPCOM Online+
- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

FILM SCHOOL NETWORK / Al via il meeting internazionale delle Scuole di Cinema

Si svolgerà dal 4 al 6 dicembre online la seconda edizione di Film School Network, l’evento di networking e proiezioni dedicato alle scuole di cinema europee, organizzato dalla casa di produzione lucchese Metropolis, che dal 2015 si occupa anche di formazione con la sua Accademia di Cinema Toscana.

BIENNALE COLLEGE / Prima candidatura all’Oscar

Prima Candidatura all'Oscar per un film di Biennale College: "This is not a Burial,It's a resurrection" (Lesoto). Annunciati i 4 progetti che diventeranno film di questa 9 edizione. Fra questi, "La Tana" dell'italiana Beatrice Baldacci

WEB FESTIVAL / Al via il Digital Media Fest online

Si svolgerà dal 30 novembre e terminerà il 2 dicembre, con una formula interamente digitale il Digital Media Fest, il festival creato e diretto da Janet De Nardis: 3 giorni di webserie, cortometraggi e vertical video provenienti da oltre 30 Nazioni.
- sponsor -

INDUSTRY

FILM SCHOOL NETWORK / Al via il meeting internazionale delle Scuole di Cinema

Si svolgerà dal 4 al 6 dicembre online la seconda edizione di Film School Network, l’evento di networking e proiezioni dedicato alle scuole di cinema europee, organizzato dalla casa di produzione lucchese Metropolis, che dal 2015 si occupa anche di formazione con la sua Accademia di Cinema Toscana.

BIENNALE COLLEGE / Prima candidatura all’Oscar

Prima Candidatura all'Oscar per un film di Biennale College: "This is not a Burial,It's a resurrection" (Lesoto). Annunciati i 4 progetti che diventeranno film di questa 9 edizione. Fra questi, "La Tana" dell'italiana Beatrice Baldacci

DIVERSITY MEDIA AWARDS / Berry Bees miglior serie kids

"Berry Bees", una coproduzione internazionale di Atlantyca con SLR Productions, Telegael e Studio Cosmos-Maya con la partecipazione di Rai Ragazzi e NINE Network, è stata premiata come Miglior Serie Kids dell’anno ai Diversity Media Awards 2020
- sponsor -

LOCATION

LOMBARDIA /Come rilanciare la Film Commission

La necessità e l’urgenza di riformare e rilanciare la Lombardia Film Commission è stato oggetto del convegno No signal? Audiovisivo lombardo, una nuova film commission come motore del rilancio, organizzato dal raggruppamento Cinema e Audiovisivo di Cna Lombardia e a cui hanno partecipato istituzioni, associazioni, operatori. Gli interventi di Curti, Priarone, Maselli, Ippoliti, Dell'Acqua, Del Corno, Masotina, Pedote, Bocca Gelsi, Trivellini

PIEMONTE / 5 progetti sostenuti dal Film Tv Fund

Il nuovo film di Davide Ferrario, "Tutto qua” (titolo provvisorio) le cui riprese si stanno concludendo a Torino, è uno dei cinque titoli che beneficerà del contributo el Bando POR FESR "Piemonte Film Tv Fund". Sostenuti anche per Indyca, IIF, Casa delle Visioni e Viola Film

CORTI / Ça Tourne! il nuovo concorso di F.F.C. Vallée d’Aoste

“ÇA TOURNE!”: c'è tempo fino al 9 dicembre per partecipare al concorso di idee finalizzato alla realizzazione di cortometraggi bandito da Fondazione Film Commission Vallée d’Aoste e rivolto a professionisti residenti o domiciliati in Valle d’Aosta, imprese, associazioni culturali e fondazioni valdostane o che abbiano sede legale od operativa sul territorio regionale