APA: quel che resta di un mercato in crescita

Nel 2019 il valore del mercato audiovisivo in Italia è cresciuto del 10% rispetto all’anno precedente: da 1.2 a 1,3 miliardi di euro, di cui 382 milioni per i film, 443 per la fiction , 77 per l’animazione e il resto per gli altri generi. Sono questi i macrodati contenuti nel 2o rapporto sulla Produzione Audiovisiva Nazionale presentato lo scorso 15 ottobre all’interno del MIA dal presidente APA Giancarlo Leone.

Come era prevedibile, l’attenzione si è spostata sugli scenari presenti e futuri, che premiano il VoD, i cui investimenti, stimati nel 2018 a 70 milioni di euro, si prevede che 2022 saranno quasi triplicati, balzando a 195 milioni .

Ma il futuro non per tutti è roseo: la ricognizione del mercato audiovisivo 2018 conta 7527 imprese . Di queste, secondo i dati elaborati da APA, oltre la metà concentrano la loro attività nella produzione cinematografica, di video e programmi tv, per un totale di 122.905 persone coinvolte.

Secondo i primi rilevamenti degli effetti dell’emergenza Covid sull’occupazione, si stima che il lockdown in termini di registrazione delle imprese abbia prodotto 149 iscrizioni (40 in meno rispetto all’anno precedente) e 261 cessazioni (27 in più rispetto all’anno precedente). In particolare, la produzione audiovisiva ha registrato una riduzione del 46,4% delle iscrizioni durante l’anno in corso.

Lo scenario dell’era Covid disegnato dall’European Audiovisual Observatory, riproposto nell’incontro al MIA, è impietoso, anche se coerente con le stime locali. Colpiscono, ma non stupiscono, le stime: -20% degli introiti pubblicitari nel 2020 che nel 2022 dovrebbero parzialmene recuperare con un – 8%, ; il crollo del box office a – 70% ( – 40% nel 2022), mentre è inarrestabile la crescita delle piattaforme VOD, +30% per arrivare a + 60% nel 2022.

A fronte di questo scenario il presidente Leone (leggi l’intervista di Cinema&Video su La Rivista da Sfogliare), ha rinnovato l’appello al governo perché riconosca alla RAI quella quota di extra gettito da canone e di trattenute fiscali che valgono annualmente circa 180 milioni di euro, andando così a compensare i minori introiti pubblicitari e permettere al servizio pubblico di non venir meno ai doveri di volano dell’industria culturale ( e rivolto alla Rai ha sollecitato la nomina di un nuovo responsabile di Rai Fiction, poltrona vacante da 3 mesi). Che gli investimenti siano a rischio lo ha confermato l’amministratore delegato dell’emittente pubblica, Fabrizio Salini ( tra i presenti al dibattito), mentre Davide Cesarano, di Mediaset, ha ammesso che con il crollo della pubblicità gli obiettivi dell’azienda difficilmente potranno essere mantenuti.

Uno strumento che si sta rivelando particolarmente efficace è il tax credit, potenziato durante l’emergenza, che Leone ha chiesto venga trasformato in uno strumento certo, che superi il criterio del plafond, ricevendo in proposito ampie rassicurazioni da Lorenzo Casini capo gabinetto al MiBACT . Casini ha rivendicato il grande sforzo del Ministero che dai 459 milioni di euro dello scorso anno ha portato a 650 milioni di euro l’intervento dello stato nel settore ( da segnalare che pochi giorni dopo l’intervento di Casini il Ministro Franceschini ha annunciato ulteriori interventi a favore del cinema e audiovisivo con ulteriori 240 milioni di euro annui sull’apposito Fondo che consentirà di rendere permanente l’aumento straordinario del tax credit introdotto nel 2020; e il potenziamento strutturale del Fus con altri 50 milioni).

Fiducia (comprensibile) nel futuro è stata mostrata da Nicola Maccanico ( Sky Italia) che ha posto come sfida la crescita degli investimenti nella serialità (“vogliamo essere padroni del nostro destino”) e Tinny Andreatta, neo responsabile di Netflix Italia (“investire in modo strategico sulla produzione nazionale, raddoppiando in due anni la produzione di fiction ).

Infine, il grande assente e principale vittima della pandemia, il cinema in sala, è stato evocato da Casini e da Leone: “anche chi non produce cinema deve tifare per il cinema”, anello essenziale della catena del valore., ha detto il presidente APA.

Articoli collegati

NASCE 010: lo scouting parte dalla formazione e guarda fuori

Nasce 010, società di produzione di Genova, fondata dallo sceneggiatore Giovanni Robbiano e dai giovani filmmaker Lorenzo Rapetti e Giovanni Giusto.

CON FLIGHT A GENOVA IL CINEMA INTERNAZIONALE

Dal 10 al 18 ottobre la prima edizione di Flight, Mostra internazionale del cinema di Genova, al cinema Nickelodeon, nei cineclub cittadini nelle gallerie d'arte e all'Alliance Française

MIA: PREMIATI MISS FALLACI e DARKSIDE

I premi e i numeri del MIA in chiusura della sesta edizione. Vincono, fra gli altri, gli italiani "Miss Fallaci takes America", "Darkside, the quest for dark matter detection". Lazio Frames Award a "La verità sulla dolce vita"

Cinema&Video International n.179

Il numero di ottobre 2020 è distribuito al MIA di Roma e sulla piattaforma di MIPCOM Online+
- Sponsor -

FESTIVAL - MARKET

ARCHIVIO APERTO: dal 24/10 gli HOME MOVIES in mostra

Dal 24 ottobre al 6 dicembre la XIII edizione di Archivio Aperto, la manifestazione annuale che Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia di Bologna dedica alla riscoperta del patrimonio cinematografico privato, dal film di famiglia al film sperimentale e d’artista, e che per la prima volta sarà online accessibile gratuitamente su diverse piattaforme, il sito di Home Movies, la sua pagina Facebook e la piattaforma MyMovies.

FESTIVAL IN CORTO: Lecce dà spazio ai giovani talenti

FESTIVAL IN CORTO è la sezione del Festival del Cinema Europeo di Lecce sostiene il cortometraggio come palestra per i nuovi filmmaker. Tre le sezioni: Puglia Show-Premio Emidio Greco-Vetrina CSC

I PREDATORI da oggi in sala e a EUROPE!GOES BUSAN

Esce oggi in sala "I Predatori" di Pietro Castellitto, che farà parte anche della selezione di EUROPE! GOES BUSAN di European Film Promotion. Nell'EUROPE!UMBRELLA di EFP a Busan anche True Colours
- sponsor -

INDUSTRY

CHIUSURA SALE / UECI e AFIC: necessari contributi dal governo

In seguito alla chiusura delle sale stabilita dal nuovo DPCM, le richieste di UECI e AFCI al governo: di all'esercizio contributi a fondo perduto

PIEMONTE / Bollywood la Mole

Una grande storia d'amore ambientata negli anni 70 in stile Bollywood si sta girando in questi giorni a Torino e in Piemonte con il supporto di FCTP. Il produttore esecutivo è Ivano Fucci per Odu Movies

IL CINEMA SECONDO SONEGO: al via il premio di sceneggiatura

IL CINEMA SECONDO SONEGO: è questo il tema della prossima edizione del Premio Rodolfo Sonego, il concorso per sceneggiature di cortometraggi, creato da Lago Film Fest (Treviso): iscrizioni fino al 7 febbraio
- sponsor -

LOCATION

TOSCANA FILM COMMISSION candidata Outstanding Location

Toscana Film Commission è stata premiata come Outstanding Location ai LMGI Awards. Premiati anche i location manager italiani Gianni Antonio Grazioli e Christian Peritore per ZeroZeroZero

TOSCANA FILM COMMISSION candidata Outstanding Location

Toscana Film Commission è stata candidata come Outstanding Location ai LMGI Awards. Fra i location manager nominati, anche gli italiani Gianni Antonio Grazioli e Christian Peritore, e Enrico Latella

PIEMONTE / Bollywood la Mole

Una grande storia d'amore ambientata negli anni 70 in stile Bollywood si sta girando in questi giorni a Torino e in Piemonte con il supporto di FCTP. Il produttore esecutivo è Ivano Fucci per Odu Movies