ANIMAZIONE/ Dalle Serie al Cinema

Dal nono Cartoon Movie conclusosi lo scorso marzo a Potsdam, dove sono stati presentati 10 film e 32 progetti a diversi stadi della produzione per un budget complessivo di 286 milioni di euro, si è visto che la produzione di film in animazione in Europa sta continuando ad un buon passo.
La tendenza più evidente però è quella di produrre film tratti da serie tv di successo o addirittura ancora inedite, molto spesso con un passaggio dalla tecnica 2D del prodotto seriale al 3D del formato lungo.
E’ il caso di “Cacciatori di draghi”, favola fantasy di iniziativa francese che promette, anche per l’uscita italiana (DNC), un voice cast stellare – nella versione inglese Lian Chu, il grosso cacciatore di draghi sarà  il neo vincitore dell’Oscar Forest Whitaker.


Prequel da 16 milioni di euro della serie trasmessa in Italia da Rai Tre, più spettacolare e più sofisticato grazie anche al 3D, il film sarà  nelle sale nel 2008.
Lo stesso percorso produttivo di “Winx Club-Il film” che, con 20 milioni di euro stanziati dalla Rainbow e da Rai Fiction per portare le famose fatine dal piccolo al grande schermo, promette di essere l’evento del prossimo Natale.
Altro film che salirà  dal “livello” 2 al 3, il finlandese “The Magic Crystal”, tratto da “Red Caps”, serie su dei giovani assistenti di Babbo Natale e un cristallo magico che rende possibile la distribuzione dei regali durante la Vigilia con Igor Boris Bertolucci alla co-regia e la romana Cartoon One in veste di coproduttore.
Cartoon One coprodurrà  anche il lungo tratto da “Scuola di Vampiri”, inedita serie tv di Rai Fiction per Rai Due. Partiti subito in 3D sia la serie che il lungometraggio danesi “The Ugly Duckling and Me”, una divertente rivisitazione della favola del Brutto Anatroccolo che arriverà  presto anche nelle nostre sale (Eagle).
Fra i film senza serie nella pipeline, il tedesco “Happily N’ever After” che, prendendo spunto dalle favole più famose, resta un lontano parente di Shrek e il francese “La Reine Soleil”, film in 2D tratto da un romanzo di Christian Jacq che in live action avrebbe forse avuto un target più preciso, entrambi acquistati per l’Italia. Così come è in 2D il film più atteso dell’anno.
Si tratta del francese “Persepolis”, con le voci di Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni, dalla nota autobiografia a fumetti dell’iraniana Marjane Satrapi, ospite del prossimo Festival del cinema di animazione di Annecy, dove da quest’anno al lungometraggio verrà  dedicata una serie di nuove iniziative.
A riprova dell’importanza ormai raggiunta dal formato nel mercato dell’audiovisivo non solo americano.


MONICA TASCIOTTI


Cinema&Video International  3/4-2007

Nella sezione: Rivista