SCHEDA/L’ABC del sistema Cinema

* Apulia Film Commission. Resa operativa dalla Regione Puglia nel 2007, è una Fondazione di partecipazione, che ha per soci province e comuni capoluogo della Regione. Con un budget annuo di 2 milioni di euro, è lo strumento operativo della politica audiovisiva della Regione. Lo staff di AFC è composto da 5 persone più il direttore. Fortemente professionalizzato, l’età  media è 31 anni. Numerosi sono oggi i collaboratori esterni, selezionati con rigorosi avvisi pubblici, per gestire i numerosi progetti descritti.


* Apulia Film Fund. Per attirare e sostenere le produzioni audiovisive sul territorio, l’AFC si è dotata di un Film Fund. I contributi vengono erogati (in tre tranche nel corso dell’anno) con criteri che attengono “” soprattutto – alla percentuale di spesa sul territorio (150% del contributo), alla quota di riprese in esterni sul territorio (minimo due settimane), e all’impiego di personale locale ( minimo 30% di pugliesi). Sono finanziati lungometraggi, film e serie tv fino a un massimo di 150 mila euro; documentari e docufiction fino a un massimo di 40 mila euro, fino a 30 mila i cortometraggi e videoclip, fino a 12 mila i videogame. Nel 2007 il Film Fund ha erogato 258 mila euro per 11 produzioni, di cui 6 film per il cinema e 2 per la tv, a fronte di una spesa sul territorio di 3 milioni e ottocentomila euro; nel 2008 il contributo erogato è stato di 463 mila euro per 14 produzioni (8 film per il cinema) a fronte di una spesa sul territorio di 4 milioni e 800 mila euro. Nello stesso anno i finanziamenti sono stati raddoppiati grazie a contributi extra fund, erogati sotto forma di ospitalità  o coproduzione, a 6 film. Nel 2009 il Fund è stato portato a 1 milione e 85 mila euro per 38 produzioni (tra cui 16 film per il cinema e 4 film e serie tv), con una ricaduta sul territorio di oltre 10 milioni di euro. Anche nel 2009 sono stati erogati fondi straordinari (circa 230 mila euro, attinti per lo più ai fondi europei FESR) sotto forma di ospitalità  per 8 produzioni, tra cui 4 film per il cinema. Per il 2010 l’Apulia Film Fund dispone di 1 milione e 600 mila euro.


* Bif&st- Bari International Film&Tv Festival. Dopo il successo del numero zero del 2009, la manifestazione, ideata e diretta da Felice Laudadio, terrà  la sua prima edizione internazionale dal 23 al 30 gennaio nel capoluogo pugliese. E’ costato circa un milione di euro, finanziato con i Fondi FESR.
Il Bif&st è la punta di diamante di una rete regionale di Festival che comprende il Festival del cinema indipendente di Foggia (che si svolge in dicembre), la Festa del Cinema del Reale che si tiene in luglio a Specchia (Lecce), e il festival del Cinema Europeo di Lecce, che ha dedicato la prossima edizione a Carlo Verdone. Merita segnalare che il popolare regista e attore ha scelto il Festival di Lecce per istituire un premio dedicato al padre, lo studioso e critico cinematografico Mario Verdone.


* Cineporto. Anzi, cineporti, perché in Puglia, a partire da gennaio, ne aprono 2. Uno a Bari, su 1200 metri quadrati ricavati all’interno della Fiera del levante di Bari, con un costo di 600 mila euro; l’altro a Lecce, 450 mq dentro le ex Manifatture Knos. Si tratta di luoghi attrezzati per ospitare le produzioni che girano sul territorio.


* Circuito Sale di Qualità . Parte il 5 febbraio la programmazione di film di qualità  su un circuito di 20 sale cinematografiche distribuite nei centri urbani di tutto il territorio pugliese. L’Apulia Film Commission gestisce la programmazione per i prossimi due anni, a fronte di un contributo complessivo di 2.190.000 ai gestori delle sale

Nella sezione: Speciale puglia