Produttori all’EFM/ Capra e Segre, piemontesi e internazionali

Una commedia generazionale fra ultrasessantenni: così Enrica Capra di Graffiti Film definisce “Sotto Sopra” (titolo provvisorio), una storia tutta sarda (perché scritta da Antonello Murgia come libero adattamento dall’omonimo romanzo di Milena Augus) e che sarà girata a Cagliari, in un condominio di fronte al mare, visto che “è una storia di liberazione, tutta giocata sul contrasto luce-aria/compressione. E’ stata Nevina Satta a suggerirmi questo progetto, di cui mi sono subito innamorata. Dopo aver acquistato i diritti del romanzo da Nottetempo, che ci ha detto che già molte società francesi erano interessate a questo titolo, stiamo mettendo in piedi la co-produzione e ci sono già importanti produttori interessati. Se troveremo un partner francese faremo l’application per il fondo di co-sviluppo con la Francia, e intanto, oltre ad aver presentato la domanda a Media (Slate Fund), stiamo valutando se provare anche con il Torino Film Lab, e abbiamo anche trovato un investitore privato piemontese. “
Investitori privati (attraverso il FIP) e Film Commission Torino Piemonte sostengono invece “Alien Food”di Giorgio Cugno, passato anch’esso dal TFL, le cui riprese inizieranno il 24 febbraio nel torinese e nel cuneese, una co-produzione fra Graffiti Film e la danese Beofilm.
La divisione documentari di Graffiti invece ha in sviluppo un’altra co-produzione che coinvolge il Piemonte e il Trentino e le rispettive film commission, oltre alla Svizzera ticinese (la Amka di Tiziana Soldani) e alla Palestina (la Odeh Films di May Odeh), e per cui anche Rai Cinema, rivela Capra, ha espresso interesse: “One more Jump” di Manu Gerosa, sul team del parcur di Gaza, progetto appena ‘reduce’ da When East meets West, dove è arrivato come vincitore del premio Esodoc.
Da WEMW arriva anche “Country for Old Men”, selezionato nella sezione Last Stop Trieste: “finiremo il montaggio a Marzo. Si tratta della storia, firmata dagli esordienti Pietro Jona e Stefano Cravero, di una comunità di espatriati americani in Ecuador. Infine, un altro progetto a cui teniamo molto e per il quale abbiamo fatto domanda di sviluppo alla Film Commission
della Sicilia, è il documentario “Strade Minori” di Letizia Gullo e Dagmawi Ymer, su una scuola di Palermo dove i minori stranieri non accompagnati imparano l’italiano assieme a due ragazzine palermitane.

 

Molto legato al territorio ma con lo sguardo sempre rivolto all’estero e alle co-produzioni è Redibis, la giovane società di Daniele Segre, per dieci anni responsabile della produzione per Film CommissionTorino Piemonte e production advisor di Torino Film Lab, da cui, dice “viene la vocazione all’internazionalità”.
I nuovi progetti portati all’EFM alla ricerca di partner produttivi sono “Earth Wind and Fire”, documentario ambientato nel Nord dell’Inghilterra, e incentrato sulla squadra di rugbisti minatori che vinse il campionato negli anni 80, nel periodo più nero della lotta contro il governo Tatcher (“abbiamo il fondo di sviluppo del Piemonte e qui ho incontrato vari produttori inglesi” dice Segre), e il lungometraggio di finzione “In Absentia”, opera prima del torinese Matteo Bernardini, prodotto con Rai Cinema in co-produzione con la francese Le Films De L’Heures Blue (“grazie a cui abbiamo ottenuto il fondo allo sviluppo CNC-Mibact. Finiremo lo sviluppo entro quest’estate e vorremmo girare nell’estate del 2018. Stiamo cercando il terzo co-produttore in Svizzera, e a questo proposito è stato importante incontrare qui a Berlino la Film Commission del Ticino che mi metterà in contatto con vari produttori. Ho parlato anche con vari sales agents francesi, che vogliono essere coinvolti già nella fase di scrittura del progetto).
Redibis si occupa inoltre anche di produzione esecutiva: “a questo proposito ho incontrato anche diversi produttori tedeschi. Abbiamo già realizzato a Roma, nel 2015 “Roman Holiday”, uno dei 24 episodi della serie televisiva russa “Endless Summer” prodotta dalla Nautilus di Mosca per un canale commerciale russo e siamo alla ricerca di nuovi progetti.”

Nella sezione: Rivista