LIGURIA/Misteri in Serie

Un labirinto intricato e multiculturale all’interno di uno dei maggiori centri storici medievali in Europa: Genova, che Francesco Petrarca definì La Superba, ha un’anima duale, il mare e la collina subito addosso, il porto e i carrugi.
Anche Dickens ne sottolineava i “contrasti più inusuali; il pittoresco, la bruttezza, la malvagità, il sublime, il pericolo, si rivelano allo sguardo ad ogni angolo. Sembra che ci sia sempre qualcosa da scoprire”.

Forse, dunque non è un caso, che due nuovi detective, che fra poco ci diventeranno familiari sul piccolo schermo, abbiano trovato qui il loro habitat naturale: un lupo solitario dal passato misterioso come l’investigatore Masantonio (Alessandro Preziosi), specializzato nei casi di persone scomparse, e una detective ruvida e implacabile, che i contrasti se li ritrova già nel nome, la Petra Delicato (Paola Cortellesi) italianizzata e portata sullo schermo dai romanzi best sellers della giallista spagnola Alicia Gimenez Bartlett.

Due serie televisive prodotte da Cattleya, con il sostegno di Genova Liguria Film Commission; la prima, diretta da Fabio Mollo insieme a Enrico Rosati per Mediaset, la seconda, da Maria Sole Tognazzi per Sky Italia.
Ancor prima di andare in onda in Italia, all’inizio del 2020, “Petra” e “Masantonio” hanno avuto una ribalta internazionale di prim’ordine lo scorso settembre, durante il lancio del Los Angeles ITTV Festival, il primo festival della televisione italiana, creato e ideato da Good- GirlsPlanet (Valentina Martelli, Francesca Scorcucchi, Cristina Scognamillo) e Marco Testa.
Ne sono stati presentati in anteprima trailer e teaser assieme a quelli di altre serie di grande appeal internazionale, quali “The New Pope”, “L’Amica Geniale”, “Zerozerozero”, “1994” e “Gomorra La Serie 4”.

Oltre ad accompagnare i titoli made in Liguria, la film commission si è ‘presentata’ a Los Angeles attraverso due filmati relativi alle produzioni 2018 ed alle location liguri, messi a disposizione dall’Agenzia In Liguria.
“Il 2018 è stato un anno da record, che nei primi 8 mesi del 2019 abbiamo già ampiamente superato, con 140 produzioni assististe, 411 giornate di produzione e 4657 notti d’albergo: risultati che ci danno slancio per proseguire con il nostro lavoro. – Ha dichiarato Cristina Bolla, presidente di GLFC, che in California ha incontrato diversi produttori e operatori del settore, tra i quali il direttore e sceneggiatore Steven Gaydos e l’attrice produttrice Natascha Pfeiffer.- Per i vent’anni della Film Commission abbiamo messo in cantiere una promozione del territorio molto ampia, che va di pari passo con il progetto di rilancio e consolidamento della nostra Fondazione che ho seguito in prima persona.”

Tappe di questo percorso promozionale, assieme a Los Angeles, la Mostra del Cinema di Venezia, dove la GLFC ha lavorato al lancio del docufilm “Genova ore 11:36” della casa di produzione 42° Parallelo; la prima edizione del Digital Fiction Festival, tenutasi a Finale Ligure in agosto, e volta a portare la migliore serialità televisiva internazionale in Liguria.
Un percorso a due direzioni, che incentiva il networking internazionale dentro e fuori la Regione, con l’obiettivo di attirare investimenti produttivi in Liguria e di far nascere e crescere nuove imprese nel settore dell’audiovisivo.

Non secondario è l’aspetto legato al cineturismo, visto che la Liguria è stata capofila del progetto europeo Famous, gestito da Movie Travel e da poco conclusosi, con la costruzione di itinerari cineturistici legati ai siti Unesco. Ancora una volta è La Superba a far da padrona, con il suo porto, location scelta anche da Polanski per il suo “Pirates”, da Winterbottom per “Summer in Genoa”, e, più recentemente da Sergio Castellitto per “Fortunata” o per la coproduzione italo-giapponese “White Flowers”; il MU.MA, il museo marittimo più grande esistente in Italia, che “Petra” riporterà all’attenzione degli spettatori; il centro storico e i palazzi che fanno bella mostra di sé in “Grace of Monaco”.
Non poteva mancare il Golfo del Tigullio (da Portofino a Moneglia), soprattutto dopo la ‘visita’ di Netflix e della commedia “Murder Misteries” interpretata da Jennifer Aniston ed Adam Sandler; e Finale Ligure, i cui meravigliosi siti sono stati apprezzati dagli ospiti della prima edizione del Digital Fiction Festival, e che arriveranno anche al cinema con “Io sono Vera” di Beniamino Catena, una coproduzione italo-cilena fra Macaia Film di Simone Gandolfo Átomica, girato fra Finale Ligure e Pietra Ligure.

Albenga, già location del fantasy “Inkheart”, dal 30 ottobre è protagonista di “Glassboy-Il Bambino di vetro” di Samuele Rossi, coproduzione fra Italia (Solaria Film), Svizzera (Peacock Film) e Austria (WildArt Film), con il contributo di Rai CinemaMibactEuroimages e il sostegno di ben quattro regioni (oltre alla Liguria, anche Calabria, Lazio, e Toscana).
“Glassboy è un’opportunità, sia in termini di sviluppo economico che di destagionalizzazione del turismo, vista la presenza di una troupe di oltre 80 persone in periodo di bassa stagione.” Conclude Cristina Bolla.

Nella sezione: Luoghi&Locations