I FONDI/I primi in Italia

La Regione Lazio ha articolato l’erogazione delle risorse, 30 milioni di euro, in cinque fondi, mirati al sostegno della produzione, della formazione e dell’esercizio. E’ la prima in Italia, e in Europa è seconda solo a Berlino- Brandeburgo. Di seguito i fondi:

FONDO LAZIO CINEMA INTERNATIONAL
Sono 10 milioni di euro stanziati per favorire la creazione di partnership tra i produttori laziali e internazionali e attrarre grandi produzioni internazionali a Roma e nel Lazio per promuovere il territorio all’estero. Il bando, dedicato a cinema e TV, si articola in due finestre temporali ognuna da 5 milioni di euro, che prevedono un contributo a fondo perduto del 35% delle spese ammissibili, incrementabile al 45% nel caso di coproduzioni finanziate al produttore estero da almeno un altro Stato dell’Unione Europea. Inoltre il 50% delle risorse complessive è destinato a opere ritenute di interesse regionale. Nel calcolo dell’agevolazione concessa è riconosciuta una forte premialità ai progetti legati alla promozione turistica e culturale del Lazio.

FONDO REGIONALE PER L’AUDIOVISIVO
Con una dotazione di 9 milioni di euro, il fondo, mirato all’attrazione degli investimenti, copre in termini percentuali e in completo automatismo le spese di produzione effettuate da società audiovisive che realizzano prodotti filmici o serie televisive nel Lazio.

FONDO DI ROTAZIONE
1 milione 250 mila euro per sostenere le giovani imprese dell’industria cinematograFIca e dell’audiovisivo del territorio della Regione Lazio.

BANDO CREATIVITÀ 2020
9 milioni di euro, destinati a: sviluppo, produzione e distribuzione cross-mediale, post-produzione digitale, spettacolo digitale e dal vivo, sviluppo e utilizzo di tecnologie digitali per il restauro e la tutela del patrimonio culturale audiovisivo.

BANDO CINEMA E TEATRI SENZA BARRIERE E IN SICUREZZA
1 milione di euro a fondo perduto, grazie alla legge sulla rigenerazione urbana da destinare ai Cinema per interventi su barriere architettoniche, messa in sicurezza, sostegno all’innovazione sull’audiovisivo e tutte quelle formule che possono rendere meno onerosa la gestione delle sale.

Nella sezione: Luoghi&Locations