GENOVA-LIGURIA/Video games,un gioco serio

E’ noto che quello dei videogames è un settore che sta crescendo in modo esponenziale: dal 2006 i videogames hanno superato gli incassi dei film in sala, ma da quest’anno il valore dell’industria del videogame nel mondo raggiungerà l’intero fatturato di quelle del cinema e della televisione; il fatturato globale è cresciuto nel passato a ritmi del 9 per cento annuo, era di 59 miliardi di euro nel 2013 e arriverà a 67 miliardi nel 2016; negli Usa 120 mila persone lavorano nell’industria del videogames.

“Quello che si sottolinea meno spesso – fa notare Andrea Rocco, direttore di Genova Liguria Film Commission – è la mutazione attraversata dall’industria, caratterizzata fino a poco tempo fa dalla presenza di pochi grandi operatori (i “padroni” delle console, Xbox, Nintento, Wii) e che oggi vede un grande sviluppo degli indipendenti, ai quali l’apertura di altre piattaforme (smartphone, tablets, pc) ha aperto strade impensabili.
Parallelamente, l’impetuoso fenomeno della cosiddetta “gamification” di settori produttivi lontani dal videogame tradizionale e l’affermarsi dei “serious games”, apre scenari promettenti per una grande massa di disegnatori e sviluppatori in aree anche non tradizionalmente vocate”.
Dentro questo scenario si sta muovendo Genova Liguria Film Commission, “immaginando un percorso virtuoso e sostenibile, di formazione, creazione di reti di impresa, finanziamenti agevolati all’innovazione”.
Punto di partenza è stato il Dutch Game Garden di Utrecht, considerato un modello a livello europeo, con cui la Film Commission ha preso contatti.
“Per Genova-Liguria Film Commission – continua Rocco – vuol dire aprire le porte del Polo di Aziende Creative che gestisce presso la sua sede di Cornigliano (GE) a queste realtà desiderose di installarsi in unambiente che contenga altri tipi di talenti (grafici, informatici, video maker, sceneggiatori) utilizzabili nel processo di produzione e sviluppo dei giochi. Due aziende sono già presenti, altre 2-3 arriveranno entro fine anno”.

E’ già nato un momento di incontro, formazione, sperimentazione e networking: “Game Happens”, organizzato dalla società Urustar, da Genova-Liguria Film Commission con il sostegno di Società per Cornigliano, il consolato olandese e il Centro Liguria per la Produttività.
“E’ un vero happening creativo che ha avuto luogo nel giugno scorso a Villa Bombrini e che ha visto la partecipazione di oltre 150 operatori professionali del settore, provenienti da tutta Italia, due dei”guru” olandesi e il mondo delle istituzioni italiane del settore, con l’associazione di categoria Aesvi in testa”.

“Game Happens” , ha avuto successo, diventerà un evento permanente e “ad esso si affiancheranno altre iniziative di sviluppo alle aziende liguri del settore”, assicura il direttore di Genova Liguria Film Commission.

Nella sezione: Luoghi&Locations