FESTIVAL/Cartoons sotto la Mole

Tra le novità della 21a edizione di Cartoons on the Bay, a Torino dal 12 al 14 aprile, una grande mostra dedicata agli 80 anni dalle leggi razziali e alla Shoah, con opere originali e inedite di maestri dell’animazione.
La rassegna, che coinvolgerà 150 artisti, come Bruno Bozzetto, Guido Manuli, Giorgio Cavazzano, verrà allestita al Museo del carcere Le Nuove.
Per l’occasione, Rai Ragazzi presenterà l’anteprima de “La stella di Andra e Tati”, uno special d’animazione sulla Shoah prodotto dalla Rai con il Miur.

Il paese ospite sarà il Canada, patria del celebre National Film Board/Office National du Film, agenzia pubblica di produzione e distribuzione cinematografica e multimediale che dal 1939, anno della fondazione, ad oggi, ha ottenuto oltre cinquemila riconoscimenti in tutto il mondo.
La produzione di animazione del NFB inizia nel 1941 con lo scozzese Norman McLaren, che diventerà l’autore-simbolo della cinematografia d’animazione canadese e uno dei pionieri dell’animazione mondiale. In “Neighbours”, film contro la guerra del 1952 vincitore di un Oscar, sperimenta una nuova tecnica: l’animazione di persone.
E’ la pixilation, termine coniato dal collaboratore Grant Munro, a sua volta candidato all’Oscar nel ’62, uno dei pionieri del NFB che ci ha lasciato nei giorni scorsi all’età di 94 anni. Munro fu uno dei due attori interpreti del film dalla semplice morale: ama il tuo prossimo (Neighbours appunto).
Nell’anno che commemora le vittime delle leggi razziali, un film più che mai attuale e uno dei pochi nella lista Memoria del mondo dell’Unesco, che salvaguarda il patrimonio documentario dell’umanità. Guarda caso, i soli film italiani inseriti in questa lista sono quelli dell’Archivio storico dell’Istituto Luce, la più antica istituzione pubblica destinata alla diffusione cinematografica del mondo, creata nel 1924 durante il regime fascista che emanò proprio quelle leggi di cui ricorre il triste anniversario.

Nella sezione: Rivista