CINESHOW 2/Giornate europee

Dedicate fin dall’esordio nel 2003 alla produzione indipendente italiana ed europea, le Giornate Europee del Cinema e dell’Audiovisivo di Torino sono divenute il principale Co-production Forum in Italia, ottenendo il riconoscimento e il sostegno del Programma MEDIA dell’UE.

L’obiettivo primario è quello di favorire lo sviluppo di progetti europei (fiction, documentari, animazione) per il cinema, la tv e i nuovi media. Alle Giornate Europee produttori, autori, rappresentanti di fondi regionali e nazionali, film commission, broadcaster e distributori provenienti da tutta Europa trovano un ambiente strutturato per la ricerca di nuovi partner su co-produzioni internazionali di elevato potenziale, con il non celato obiettivo di facilitare l’accesso al mercato audiovisivo italiano ai professionisti esteri e al tempo stesso agire da ponte verso l’Europa per i produttori italiani.


Dalle precedenti edizioni, almeno 15 sono stati sinora i casi di successo di film e documentari co-prodotti grazie alle relazioni stabilite durante le Giornate Europee.


Tra i progetti pervenuti (nel 2007 furono complessivamente 212), disponibili sul sito per i partecipanti nel frattempo iscritti, alla fine ne saranno selezionati 35 (tendenzialmente 16 per il cinema, 14 documentari, 5 animazione) che saranno presentati ai tavoli di negoziato, oltre che alle sessioni di pitching (solo per documentari, con il tutoring di Jacques Laurent, fino al 2006 capo della produzione documentari di Arte Geie a Strasburgo) e match making (5 autori di storie per il cinema, con il tutoring di Vincenzo Cerami).


Accanto alle iniziative di business, l’altra caratteristica delle Giornate Europee di Torino è il ricco programma di eventi professionali. Le due tradizionali master-class saranno affidate a Paolo Sorrentino, l’affermato regista de “Il Divo”, maestro di uno stile cinematografico personalissimo e potente, ed a Abdellatif Kechiche, Gran Premio Speciale della Giuria a Venezia 2007 con il suo terzo film “Le grain e le mulet”, distribuito con successo in Italia con il titolo di “Cous Cous”.


L’elemento di cerniera tra le attività  di business e gli incontri è rappresentato dalla partecipazione di sei fondi regionali europei, in cui sono particolarmente avanzate le politiche di sostegno all’industria audiovisiva.
Dalla Germania il fondo FFF-FilmFernsehFonds Bayern della Baviera (con interventi nelle varie filiere dell’industria dal valore complessivo di 27 milioni di euro) e il fondo MFG Filmfà¶rderung del Land Bade Wà¼rttemberg (13 milioni di euro); dall’Austria il fondo Wien Filmfonds della Città  di Vienna (9 milioni di euro); dalla Spagna la Axenxia Audiovisual Galega della Galizia; dalla Francia le politiche per l’audiovisivo messe in atto dal Conseil régional de Provence-Alpes- Cà´te d’Azur (oltre 3 milioni nel 2009).
Infine per l’Italia si conta sul Fondo Audiovisivo della Regione Friuli Venezia-Giulia, mentre la partecipazione della Film Commission Torino Piemonte si espliciterà  con il fondo Piemonte Doc Film Fund, destinato ai documentari (53 contributi complessivi erogati nel 2007) e la piena operatività  del nuovo fondo per l’industria cinematografica, operato attraverso la società  Piedmont Film Company.
Inoltre un’importante delegazione della cinematografia della Repubblica Ceca presenterà  la situazione di uno dei più dinamici nuovi stati membri dell’UE, eredi di una grande scuola di cinema e di animazione.
Viene rilanciata la presenza dell’animazione: il cluster Torino Piemonte Animation cura l’incontro con i giovani autori e i professionisti del settore, per selezionare nuovi progetti per la televisione, il cinema e quelli collegati all’industria dei videogiochi, mentre è previsto  un workshop, organizzato congiuntamente dalle due Antenna Media di Torino e di Marsiglia, dedicato alle tematiche comuni tra le società  di produzioni italiane e francesi.


La novità  più importante delle Giornate Europee 2008 resta tuttavia la connessione con CineShow (stesse date, 18-20 novembre, stessa location, Lingotto).
In tal modo gli operatori, partecipando ad entrambi gli eventi, potranno ricevere aggiornamenti più ampi e completi sia sulle novità  tecnologiche destinate a modificare gli scenari produttivi e distributivi, sia sulle buone pratiche di sviluppo e co-produzione che sono da anni il focus delle presentazioni professionali e delle master class proposte dalle Giornate Europee.                                                               A.S.

Nella sezione: Rivista