CANNES/French Touch sul MIPTV


Si aprirà sotto il segno del French Touch, il prossimo 8 aprile il MIPTV, il mercato dell’entertainment di Cannes che all’interno della seconda edizione di CanneSeries promette la più lunga e importante settimana della televisione, come definisce Laurine Garaude, direttrice della divisione televisiva del Reed Midem

Una partnership che mette assieme pubblico e industria, dei quali segue le evoluzioni: “da una parte, i consumatori, sempre più affamati di contenuti; dall’altra, i produttori, a cui vogliamo dare maggiori possibilità di brillare internazionalmente.”

Il punto d’incontro di questa collaborazione è. soprattutto la sezione In Development, perché precisa Garaude, lo sviluppo di contenuto è una parte sempre più importante del MIPTV, non solo nella serialità: “negli ultimi 15 anni, il MIPTV ha avuto la distribuzione come focus principale, ma adesso vogliamo dare la stessa importanza alle prime fase della creazione di contenuto, allo scouting di nuove idee, di nuovi talenti…CanneSeries è parte di questa equazione, nella misura in cui partecipa a questa ricerca di contenuto con In Develpoment, appunto, che quest’anno sarà esteso, e si svolgerà all’interno del Palais, in di una vasta area dedicata.”
Sono 376 le candidature ricevute, da 41 paesi, per In Develpoment Drama Producers’ Pitch  e Writers’ Pitch: 16 fra produttori e autori avranno la possibilità di presentare il loro progetto a un audience di prestigiosi professionisti internazionali, e due di essi saranno finanziati da Fabrique des Formats, partenr dell’iniziativa, con il sostegno di un produttore o co-produttore francese.

“Inoltre, quest’anno abbiamo lanciato In Develpoment Kids e In Development Docs. Mettendo assieme tutti i generi, i progetti ricevuti sono stati oltre 800.” Continua Garaude

In Development Kids ospiterà anche la seconda edizione del Kids Live Action Pitch, che vede fra i giurati Luca Milano, direttore di Rai Ragazzi.

 Tornerà anche, sempre all’interno di In Develpoment, il Drama Short Form Series Pitch, dedicato allo scouting di contenuti per quelli che, precisa Garaude, “una volta chiamavamo web series, e adesso invece definiamo contenuti per dispositivi mobili.”

Fra i sei progetti selezionati, anche l’italiano “Twinky Doo’s Magic World”, un horror-action ambientato all’interno dei parchi di divertimento Magic World, nati dal marchio Twinky Doo, leader nella produzione di muffin, con lo scoiattolo Twinky come mascotte. Lo presenta il gruppo toscano dei Licaoni Digital Studio di Livorno.

In Develpoment ospiterà anche la masterclass su “Taking non English Drama on new dimension”. Un tema predominante oggi, quello della nuova serialità di paesi non anglofoni, che sta spopolando grazie anche al mantenimento della lingua originale, elemento forte di identità e autenticità. “Una grossa opportunità per le serie di tutto il mondo, altra prova di come i consumatori stiano cambiando.” Commenta Garaude.

Un esempio è sicuramente la serialità francese, che godrà di un importante spazio, al Miptv, che celebra la Francia come paese d’onore:
“Siamo molto fieri delle società francesi, e di mettere sotto i riflettori quest’industria che sta crescendo molto, in termini di co-produzioni e di business internazionale.
Ospiteremo interventi dei responsabili dei maggiori network francesi (Delphine Ernotte Cunci, CEO di France Télévisions, Regine Hatchondo, Director-General ARTE France, Stéphane CourbitMarco Bassetti, Chairman e CEO di Banijay Group, Gilles Pelisson, Chairman&CEO TF1 Group, Maxime Saada, Chairman&CEO CANAL+Group), che ci illustreranno le loro strategie, molti altri panel dedicati ai nuovi talenti, ai prodotti per bambini, alla serialità. Eurodata, poi ci fornirà una visione d’insieme sulla situazione francese.”

Ci sarà poi una ricca selezione di format e di documentari francesi al MipFormat e al MipDoc, che ospiterà anche l’anteprima mondiale di “FrenchLoving” di Audrey Valtille, sul rapporto di amore-odio fra la Francia e il resto del mondo.

Anche il consueto party d’apertura sarà permeato dal French Touch: si svolgerà al Carlton Hotel, e sarà preceduto dalla cerimonia di consegna delle Medaille D’Honeur, che andranno a Stephan Courbit di Banijay, Mosunmola “Mo” Abudu di EbonyLife Media (Nigeria), Ilene Chaiken, sceneggiatrice e produttrice creativa di “The L World” “Empire” e “The Handmaid’s Tale”, che sarà anche protagonista di un intervento,) Jane Millichip di Sky Vision. Due le anteprime mondiali MIPTV, che saranno anche parte di CanneSeries: “Beecham House”, presentata da Freemantle Bent It TV, e “Feed”, presentato da All3Media Stu- dio Lambert.

Diffusa la presenza italiana fra MIPTV e Can- neSeries. con l’attrice Miriam Leone, parte della giuria internazionale del Festival, e il progetto “Made in Italy”, sulla moda italiana degli anni ’70, selezionato per il MipDrama Buyers Summit, sezione dedicata alla presen- tazione di alcune delle serie internazionali più attese, in fase di produzione (leggi news). Tornerà al MIPTV anche Magnitudo, all’interno della sezione dedicata alla tecnologia, che per la prima volta farà un focus sull’ 8K, dove la società milanese presenterà le produzioni su Leonardo e Canova.

Inoltre, due progetti italiani sono stati selezionati per i pitch del MipDoc, quest’anno ripartiti nelle due categorie di “Science&Techonolgy” (per la quale concorre “Space Beyond” presentato da Beagle Media) e “Current Affairs&Investigation” (dove 42 Parallelo presenterà “Genoa 11.36 am: The collapse of the Morandi Bridge in Genoa”).

Si aggiungono anche due nuovi espositori italiani al MIPTV: la torinese Showlab e la società di produzione sarda Lùgere.


E da quest’anno il MIPTV diventa anche più ‘eco-friendly’, con la presentazione del docu- mentario “The Swim”, con protagonista Ben Laconte e la sua traversata a nuoto del Pacifico, realizzata per accendere i riflettori sull’inquinamento degli oceani. Un’iniziativa portata avanti con le Nazioni Unite, in supporto dei loro 17 obiettivi di sviluppo sostenibile.

Nella sezione: Rivista