ARGIOLAS/Raccontare la Sardegna con il vino

valentina argiolasA Serdiana, tra le colline del Parteolla a pochi chilometri da Cagliari, si trovano le Cantine Argiolas.
Lì si producono grandi vini sardi, il Turriga, il Korem, l’Angialis, l’Iselis e si coltiva una tradizione centenaria: quella inaugurata dal capostipite Antonio e che i nipoti di terza generazione, Francesca Valentina, Elia e Antonio, oggi mantengono viva.

Le Cantine Argiolas sono anche un luogo di ospitalità e cultura, simbolo di una Sardegna sostenibile e innovatrice capace di coniugare con passione e competenza la grande tradizione enogastronomica con le industrie creative e le nuove tecnologie al servizio dell’ambiente e del territorio. Luogo ideale, quindi, per ospitare la giornata conclusiva delle Giornate Europee del Cinema e dell’Audiovisivo 2015, per il confronto tra i “nuovi contadini” e i professionisti del settore audiovisivo nazionali e internazionali e per una riflessione sulle frontiere del cinema e del Made in Italy enogastronomico,

La presenza di esperti e esponenti di associazioni della società rurale agroecologica, ha rafforzato l’urgenza di costruire “una rete di saperi in rete e multipiattaforma”, ha spiegato Claudio Papalia di Fert Rights di Torino.
Perché, se è vero che le reti virtuali non possono surrogare l’incontro tra le persone è anche vero – come ha detto Claudio Pozzi – coordinatore Rete Semi Rurali e WWOOF Italia – che i nuovi media sono utili “per integrare questa capacità d’incontro” su un territorio vasto come quello abitato da chi lavora in agricoltura.

Temi, questi, di casa alle Cantine Argiolas, dato che l’azienda adotta il metodo dell’agricoltura integrata e dispone di un sistema di monitoraggio installato nelle vigne per la valutazione di carbon e water footprint. “Grazie a questa ricerca – dice Valentina Argiolas che nella famiglia si occupa della comunicazione e del marketing – risparmiamo circa un terzo dell’acqua, mantenendo la stessa efficacia nell’irrigazione”.
Inoltre l’azienda ha investito in energia rinnovabile producendo circa il 50% del suo fabbisogno grazie all’istallazione di un impianto fotovoltaico. “Studiamo costantemente come produrre rispettando la natura”, come ribadisce nel suo “Duel of wine” (prodotto da Lino Pujia), il famoso sommelier-star Charlie Arturaola, ospite d’eccellenza delle Giornate e testimonial del felice connubio tra cinema e vino.

Perchè, se l’ambizione della Sardegna Film Commission è “raccontare, con i film, la Sardegna nel mondo”, Valentina Argiolas vuole “raccontare la Sardegna attraverso il vino” e ricorda quando, nel 2013, per celebrare i venti anni del Turriga, la famiglia si rivolse a tre grandi ambasciatori dell’Isola: il musicista Paolo Fresu, lo stilista Antonio Marras, lo scrittore Marcello Fois.
Con loro ha realizzato un cofanetto con l’etichetta creata da Marras contenente un cd con le note jazz di Fresu selezionate per Argiolas e un racconto inedito di Marcello Fois.
“Ci piace pensare che ci accomuni un’apertura al mondo, insieme a un legame fortissimo alla nostra terra che è proprio quello che ci rende capaci di arrivare ovunque”.

Nella sezione: Luoghi&Locations