VERSO GLI OSCAR/La terza protagonista


IN ENGLISH INSIDE La notte degli Oscar, il 4 marzo, scopriremo se “Call me by your name” di Luca Guadagnino, con le sue quattro nomination - miglior film, migliore sceneggiatura non originale, miglior attore protagonista, migliore canzone originale – entrerà nella storia degli Academy Awards. Che un film italiano sia uscito dal recinto del “miglior film straniero” è un ottimo segnale, e non stupisce che sia firmato da Guadagnino, il cui cinema è sempre stato molto apprezzato all’estero. Le ragioni di questa “internazionalità” le spiega Elisabetta Brunella nelle pagine interne, individuando i principali punti di forza del film: “Call me by your name” è una co-produzione, può contare su una struttura distributiva internazionale, e su quell’elemento che Armie Hammer (Oliver nel lm), ha definito “la terza protagonista”. E’ l’Italia, che il raffinato talento di...